Operazione Karma, scoperta frode fiscale: tre arresti

124

gdf vercelli

VERCELLI – Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di contrasto alle frodi fiscali, i finanzieri del Comando Provinciale di Vercelli hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali e di sequestro preventivo delle somme di denaro nella disponibilità degli indagati e per equivalente sui beni e sugli immobili nella loro disponibilità, emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Vercelli, dott.ssa Valeria Rey, nei confronti di venti soggetti iscritti nel registro degli indagati, per i reati di associazione per delinquere dedita alla commissione di reati fiscali, i quali, a diversi livelli, attraverso oltre cinquanta società con sedi nelle province di Vercelli, Biella e Novara, ma operanti su tutto il territorio nazionale, hanno evaso complessivamente circa 30 milioni di euro.

In particolare, nel corso dell’operazione, denominata Karma, la Guardia di Finanza di Vercelli, con un dispiegamento di forze che ha visto coinvolti quaranta militari, ha eseguito i sequestri preventivi e le misure cautelari personali della custodia in carcere e degli arresti domiciliari nei confronti dei tre indagati principali, posti al vertice dell’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di frodi fiscali attraverso indebite compensazioni di crediti inesistenti, che ha portato all’evasione di circa 30 milioni di euro. Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Vercelli nella persona del P.M. Dott.ssa Rosamaria Iera e condotte dai finanzieri del Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Vercelli, hanno permesso di ricostruire un articolato sistema di frode attuato con il ricorso ad indebite compensazioni di crediti inesistenti e la costituzione di circa 50 società “apri e chiudi”, mediante le quali venivano sistematicamente evase le imposte e i contributi previdenziali e assistenziali, realizzando un vero e proprio modello evasivo a discapito dei lavoratori appartenenti alla filiera della logistica, permettendo al sodalizio criminale di stipulare vantaggiosi appalti con importanti piattaforme logistiche italiane e internazionali, sollevandole da qualsiasi forma di responsabilità solidale mediante l’esibizione di modelli F24 e DURC artefatti, attestanti la regolarità fiscale e contributiva.

Attraverso i poteri e gli strumenti di polizia valutaria, giudiziaria ed economico-finanziaria, quali ad esempio l’approfondimento delle segnalazioni di operazioni sospette, le indagini finanziarie e le intercettazioni, è stato accertato che gli illeciti profitti venivano convogliati su società di consulenza, costituenti meri schermi interposti riconducibili all’associazione, per poi confluire nella sfera economica dei principali artefici del disegno criminoso, anche attraverso società all’estero. In particolare, il dominus dell’associazione, per timore di dover affrontare le conseguenze dell’attività illecita, stava progettando di costituire una società in Montenegro al fine di stabilirvi la residenza fiscale. L’operazione Karma conferma l’azione che la Guardia di Finanza svolge quotidianamente a contrasto dei reati economico-finanziari, quali le frodi fiscali e il reimpiego di capitali di origine illecita, le cui condotte sottraggono risorse alla collettività oltre che al bilancio dello Stato, inquinando il tessuto economico-produttivo, alterando la concorrenza del mercato, danneggiando gli imprenditori onesti e creando grave nocumento ai diritti e alle tutele dei lavoratori.

Il servizio svolto dimostra la costante attenzione della Guardia di Finanza nella prevenzione e repressione dell’evasione fiscale e nel contrasto delle più articolate frodi erariali, con l’obiettivo di contribuire alle prospettive di ripresa e rilancio dell’economia del Paese.