Papa Francesco: “Preghiamo per chi piange”

rosario croce

Nella Messa del 29 marzo il Papa ha pregato per tutti coloro che stanno piangendo. “Accompagnamoli e non ci farà male piangere un pò”

ROMA – Nella Messa presieduta la mattina del 29 marzo, V° Domenica di Quaresima, a Casa Santa Marta, e trasmessa in streaming su Vatican News, Papa Francesco ha pregato per tutti coloro che stanno soffrendo, che stanno piangendo: perché é isolato, o in quarantena, o é anziano e solo, o bisognoso. “Anche noi, dal nostro cuore, li accompagniamo. E non ci farà male piangere un po’ con il pianto del Signore per tutto il suo popolo”.

Nell’omelia,  Il Pontefice ha commentato il passo del Vangelo di Giovanni (Gv 11, 1-45) sulla risurrezione di Lazzaro, parlando proprio di un pianto: quello di Gesù per l’amico. Un pianto d’amore, che viene da un cuore pieno di compassione. In tempo di pandemia, siamo capaci di piangere come Gesù? Tanti piangono oggi. Chiediamo la grazia di piangere con chi piange.

L’omelia di Papa Francesco

“Gesù aveva degli amici. Amava tutti, ma aveva degli amici con i quali aveva un rapporto speciale, come si fa con gli amici, di più amore, di più confidenza … E tante, tante volte sostava a casa di questi fratelli: Lazzaro, Marta, Maria … E Gesù sentì dolore per la malattia e la morte del suo amico. Arrivò al sepolcro e si commosse profondamente e molto turbato domandò: “Dove lo avete posto?”. E Gesù scoppiò in pianto. Gesù, Dio, ma uomo, pianse. Un’altra volta nel Vangelo si dice che Gesù ha pianto: quando pianse su Gerusalemme. E con quanta tenerezza piange Gesù! Piange dal cuore, piange con amore, piange con i suoi che piangono. Il pianto di Gesù. Forse, ha pianto altre volte nella vita, non sappiamo, sicuramente nell’Orto degli Ulivi. Ma Gesù piange per amore, sempre.

Si commosse profondamente e molto turbato pianse. Quante volte abbiamo sentito nel Vangelo questa commozione di Gesù, con quella frase che si ripete: “Vedendo, ne ebbe compassione”. Gesù non può vedere la gente e non sentire compassione. I suoi occhi sono con il cuore; Gesù vede con gli occhi, ma vede con il cuore ed è capace di piangere.

Oggi, davanti a un mondo che soffre tanto, a tanta gente che soffre le conseguenze di questa pandemia, io mi domando: sono capace di piangere, come sicuramente lo avrebbe fatto Gesù e lo fa adesso Gesù? Il mio cuore, assomiglia a quello di Gesù? E se è troppo duro, sono capace di parlare, di fare del bene, di aiutare, ma il cuore non entra, non sono capace di piangere, chiedere questa grazia al Signore: Signore, che io pianga con te, pianga con il tuo popolo che in questo momento soffre. Tanti piangono oggi. E noi, da questo altare, da questo sacrificio di Gesù, di Gesù che non si è vergognato di piangere, chiediamo la grazia di piangere. Che oggi sia per tutti noi come la domenica del pianto“.