Papa Francesco torna a recitare l’Angelus in Vaticano

37

papa francesco

Il Pontefice: “Abbiamo bisogno di riposo, contemplazione e compassione. “Approfittiamo del tempo estivo per questo!”

ROMA – Papa Francesco è tornato a recitare l’Angelus affacciato dal Palazzo apostolico dopo la parentesi del Policlinico Gemelli dove era ricoverato dal 4 luglio per l’intervento chirurgico programmato per stenosi diverticolare del sigma cui si é sottoposto.

Il Pontefice, partendo dal passo del Vangelo in cui Gesù, preoccupato dalla loro stanchezza, esorta gli Apostoli, tornati dalle fatiche della missione, a riposare un po’ e li mette in guardia da un pericolo della frenesia che é sempre in agguato, ha ricordato che molte volte ci capita di essere indaffarati, di correre, di pensare che tutto dipenda da noi e, alla fine, rischiamo di trascurare Gesù. Non basta “staccare la spina”, occorre riposare davvero. E come si fa questo? E per farlo, bisogna ritornare al cuore delle cose: fermarsi, stare in silenzio, pregare, per non passare dalle corse del lavoro a quelle alle corse delle ferie. La compassione nasce dalla contemplazione. Se impariamo a riposare davvero, diventiamo capaci di compassione vera. Se coltiviamo uno sguardo contemplativo, porteremo avanti le nostre attività senza l’atteggiamento rapace di chi vuole possedere e consumare tutto. Se restiamo in contatto con il Signore e non anestetizziamo la parte più profonda di noi, le cose da fare non avranno il potere di toglierci il fiato e di divorarci. Abbiamo bisogno di riposo, contemplazione e compassione. “Approfittiamo del tempo estivo per questo!

Il Papa ha poi fatto un appello per la pace in Sud Africa e a Cuba, dicendosi  “vicino al caro popolo cubano in questi momenti difficili, in particolare alle famiglie che maggiormente soffrono. Prego il Signore che lo aiuti a costruire in pace, dialogo e solidarietà una società sempre più giusta e fraterna”

Papa Francesco ha espresso la sua vicinanza anche “alle popolazioni di Germania, Belgio e Olanda colpite da catastrofi e alluvioni”.

Foto di repertorio