Pensioni, Calenda: “Uscite anticipate per i lavori usuranti”

15

ROMA – “Chi non può lavorare mantiene il reddito di cittadinanza, chi può lavorare viene preso in carica dalle agenzie private che lo forma e poi gli si offre un lavoro, pagato almeno 9 euro l’ora. Se si rifiutano le offerte di lavoro si perde il reddito”.

E’ una delle ricette di Carlo Calenda, segretario di Azione, che oggi, parlando al Forum Ansa, si è soffermato anche sul tema delle pensionim ricordando che la spesa per questo settore vale la spesa per istruzione e sanità messe insieme. L’unica via per creare un sistema più equo – secondo Calenda – sarebbe quella di una ridistribuzione della spesa pensionistica, prevedendo uscite anticipate per i lavori usuranti.