“Persones Persons”: L’ottava Biennale Gherdëina, Dolomiti

42

L’ottava Biennale Gherdëina “Persones Persons” dal 20 Maggio al 25 Settembre nella cornice del Patrimonio Mondiale Unesco delle Dolomiti

DOLOMITI – Dal 20 maggio al 25 settembre 2022, nella cornice unica del Patrimonio Mondiale Unesco delle Dolomiti, a Urtijëi/Ortisei e nel paesaggio circostante della Gherdëina/Val Gardena si svolgerà “Persones Persons”, l’ottava Biennale Gherdëina con la curatela di Lucia Pietroiusti e Filipa Ramos.

Dedicata in gran parte alla commissione e all’esposizione di nuove opere d’arte, Biennale Gherdëina presenterà una serie di nuove installazioni, sculture, brani sonori, performance, opere tessili ed esperienze partecipative accanto a opere esistenti e storiche, in dialogo con il paesaggio unico della Val Gardena e delle Dolomiti.

“Persones Persons si muoverà lungo due linee. – Spiegano le curatrici Lucia Pietroiusti e Filipa RamosLa prima prende in considerazione le forme di personalità, giuridiche e non, della natura e del paesaggio, chiedendosi in che modo le espressioni artistiche possano contribuire al riconoscimento dei diritti della Terra e alla riduzione delle barriere. L’altra si occupa delle memorie antiche e future dei percorsi delle persone, degli animali, delle piante e dei materiali attraverso sistemi di migrazione, spostamento stagionale e transumanza nella regione e nei suoi paesaggi. A come si formano e si costituiscono reciprocamente in un processo continuo di influenza e sintonia”.

Le artiste e gli artisti selezionati per l’ottava edizione della Biennale Gherdëina sono: Etel Adnan, Chiara Camoni, Alex Cecchetti, Gabriele Chaile, Revital Cohen e Tuur van Balen, Jimmie Durham, Simone Fattal, Barbara Gamper, Kyriaki Goni, Ignota Books, Karrabing Film Collective, Britta Marakatt-Labba, Lina Lapelytė, Eduardo Navarro, Angelo Plessas, Tabita Rezaire, Sergio Rojas, Giles Round, Thaddäus Salcher, Martina Steckholzer, Himali Singh Soin e David Soin Tappeser, Ana Vaz e Nuno da Luz, Bruno Walpoth, Zadie Xa e Benito Mayor Vallejo.

La Biennale collabora anche con Museion – Museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano, attraverso la presentazione di una mostra di opere della collezione del museo che riecheggiano i temi e le linee di ricerca del festival.

Parallelamente, Sarah Solderer e Mara Vöcking cureranno una mostra al Centro Culturale di Tublà da Nives a Selva di Val Gardena, che guarda all’intreccio tra ecologia, turismo e occupazione del paesaggio, mappando la pratica di un’intera generazione di giovani artisti/e della regione.

“Fin dalla sua prima edizione, Biennale Gherdëina è stata caratterizzata dallo scambio e dalle relazioni tra persone, storie, leggende, lingue e tradizioni, perché crediamo fortemente che condividere idee, visioni e sentimenti diversi sia un elemento chiave per il benessere sociale e lo sviluppo della comunità.” – Dichiara Doris Ghetta, Direttrice di Biennale GherdëinaQui in Val Gardena, nel paesaggio unico delle Dolomiti, la natura e la cultura locale incontrano la comunità artistica internazionale e insieme immaginano un modo più sostenibile e trasparente di vivere e fare arte”.

Curatrici

Lucia Pietroiusti è una curatrice che lavora attraverso le discipline all’intersezione tra arte e ecologia, soprattutto al di fuori del formato espositivo. Pietroiusti è stata la fondatrice del progetto General Ecology alla Serpentine di Londra, che attualmente sta sviluppando in una propria organizzazione. Alla Serpentine Pietroiusti è stata curatrice di General Ecology e ora è consulente strategica per l’ecologia, e co-cura il programma a lungo termine Back to Earth. Pietroiusti è la curatrice dell’opera vincitrice del Leone d’oro Sun & Sea (Marina) di Rugilė Barzdžiukaitė, Vaiva Grainytė e Lina Lapelytė, il padiglione lituano alla 58a Biennale di Venezia e il suo tour internazionale pluriennale. È la curatrice di POWER NIGHT: Being Mothers all’E-Werk Luckenwalde (2021-2022) e la co-curatrice, con Filipa Ramos, del progetto di ricerca a lungo termine e della serie di festival the Shape of a Circle in the Mind of a Fish (2018-in corso). Le sue pubblicazioni includono More-than-Human (con Andrés Jaque e Marina Otero Verzier, 2020) e Microhabitable (con Fernando García-Dory, 2021).

Filipa Ramos, nata a Lisbona, è scrittrice e curatrice. La sua ricerca si concentra su come la cultura guarda all’ecologia e su come l’arte contemporanea promuove le relazioni natura-cultura tra gli uomini e gli altri animali. Recentemente nominata Direttrice del Dipartimento di Arte Contemporanea di Porto, Ramos è curatrice di Art Basel Film e curatrice fondatrice del cinema d’artista online Vdrome. Tiene numerose conferenze nel campo dell’arte contemporanea e dell’ecologia. È docente al Master dell’Istituto delle Arti della Fachhochschule Nordwestschweiz di Basilea, dove conduce i seminari Arte e Natura. I progetti in corso e futuri includono il festival di arti, scienze umane e scienza The Shape of a Circle in the Mind of a Fish (con Lucia Pietroiusti dal 2018). Nel 2021, ha co-curato “Bodies of Water”, la 13a Biennale di Shanghai (con Andrés Jaque, Lucia Pietroiusti, Marina Otero Verzier e Mi You), e ha co-curato la mostra collettiva “Feet of Clay” alla City Gallery di Porto (con Chus Martinez). In precedenza, ha curato il grande progetto espositivo “Animalesque” presso Bildmuseet Umeå, Svezia (estate 2019) e BALTIC Gateshead (inverno 2020). Ramos è stata caporedattrice di art-agenda (2013-20), Associate Editor di Manifesta Journal (2009-11) e ha contribuito per Documenta 13 (2012) e 14 (2017). Il suo prossimo libro, The Artist as Ecologist, sarà pubblicato da Lund Humphries nel 2023.

Biennale Gherdëina

Zënza Sëida VFG è un’organizzazione senza scopo di lucro impegnata nella diffusione della cultura contemporanea e volta a valorizzare, promulgare e produrre arte contemporanea come strumento fondamentale di crescita e sviluppo in Alto Adige. Una delle sue attività principali è la Biennale Gherdëina.

Fondata da Doris Ghetta nel 2008 e situata nella cornice unica del Patrimonio Mondiale Unesco delle Dolomiti, la Biennale Gherdëina commissiona e produce opere d’arte contemporanea, esposte a Ortisei e nel territorio circostante. La Biennale Gherdëina favorisce il dialogo tra l’innovazione e la rinomata tradizione della scultura in legno della valle, che ha rappresentato il punto di partenza della manifestazione. Edizione dopo edizione, il dialogo con altre tradizioni artistiche e geografiche si è ampliato e oggi Biennale Gherdëina è un’importante istituzione radicata in Alto Adige, che ospita artisti, pensatori e pubblico locali, nazionali e internazionali che si confrontano con le affascinanti tradizioni della Val Gardena.

La Biennale Gherdëina ha avuto la possibilità di lavorare con curatori come Adam Budak (trilogia), Luca Beatrice, Günther Oberhollenzer, e ha prodotto o esposto opere di artisti tra cui: Alicja Kwade, Marzia Migliora, Anna Hulačová, Claudia Comte, Sonia Leimer, Nicola Samorì, Franz Kapfer, Christian Kosmas Mayer, Stefan Papčo, Mathilde Rosier, Egill Sæbjörnsson, Jiří Příhoda, Alessandro de Francesco, Velasco Vitali, Bruno Walpoth, Marinella Senatore, Paloma Varga Weisz, Kris Lemsalu e Nicholas Party.