Piazza Fontana, Fico: “Venne colpita la nostra democrazia, oggi resta il dovere dello Stato di garantire la verità”

33
Roberto Fico

ROMA – Qui di seguito la dichiarazione del Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, sull’anniversario della strage di piazza Fontana:

“Il 12 dicembre 1969 – quando una bomba esplose nella Banca nazionale dell’agricoltura a Milano – iniziò una delle fasi più dolorose e oscure della nostra storia recente. A venire duramente colpita quel giorno fu la democrazia stessa del nostro Paese, che seppe resistere alla follia terrorista, con un coraggio ed una dignità che avrebbero certamente meritato un rigoroso esercizio di verità che, purtroppo, non c’è stato.

La ricostruzione giudiziaria, infatti, è stata ostacolata pesantemente da ritardi, reticenze, ambiguità, deviazioni sia sul piano politico che dei servizi segreti. Sono stati faticosamente delineati solo i contorni di una vicenda rimasta ingiustamente impunita. Gettare ombra su questa, come su altre stragi compiute in quella fase storica, ha rappresentato un oltraggio per le vittime, per i loro familiari, ma anche per chi crede nella capacità dello Stato di diritto di garantire ai propri cittadini trasparenza, verità e giustizia.

Non dobbiamo mai considerare quei fatti come dinamiche storiche di fronte alle quali ci si debba rassegnare. Per questo la Camera dei deputati prosegue nell’azione di declassificazione e pubblicazione sul portale inchieste.camera.it di tutti gli atti formati o acquisiti dalle commissioni parlamentari di inchiesta.

A distanza di più di cinquant’anni dalla strage di piazza Fontana resta immutato il dovere dello Stato di dare segnali concreti per rispondere alle legittime aspettative di comprendere pienamente quanto avvenne durante la stagione del terrorismo e della strategia della tensione in Italia”.