Pnrr, Bonaccini: “Le cifre non spese a chi è efficiente”

40

ROMA – «Siamo chiamati a realizzare il più grande piano di investimenti per far ripartire il Paese. E siamo chiamati a farlo in tempi record, pena la perdita delle risorse. Un’occasione unica per tutta l’Italia, non per il Nord o per il Sud. Che il Mezzogiorno sia una questione nazionale è evidente. Che il meccanismo si inceppi dove le strutture amministrative e la capacità di spesa sono più deboli è altrettanto evidente». E’ quanto sostiene il Governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, in un’intervista a La Repubblica.

«Ripeto: il Paese ne esce insieme o non ne esce affatto. Non c’è una parte che può farcela da sola. Poi più che un problema di assistenzialismo vedo un tema di capacità amministrativa. A fronte di una Regione come la nostra abituata a spendere tutti i fondi Ue, ce ne sono altre molto indietro. Ora, il Pnrr prevede molte più risorse da spendere in molto meno tempo. Il nodo è lì. Concentriamoci su questo». «L’unica cosa che chiedo espressamente al governo è: monitoriamo bene e interveniamo laddove necessario, anche riassegnando le risorse non spese a chi dimostra più efficienza. Sarebbe grottesco restituire risorse all’Ue».