Possibile calo del Pil fino al 3,7% a causa dei cambiamenti climatici

82

pianeta terra

La stima dei danni economici conseguenti alla crisi climatica rivela l’urgenza di un intervento profondo a livello infrastrutturale per limitare l’aumento delle temperature nei prossimi decenni

ROMA ‒ Il cambiamento climatico rischia di avere gravi conseguenze sull’economia dei Paesi. È quanto emerge dal rapporto ‘Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità’ realizzato dalla Commissione del Ministero delle Infrastrutture e mobilità sostenibili coordinata dal professor Carlo Carraro, Ordinario di Economia Ambientale all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

“Anche nel migliore dei casi, anche se ci limitassimo a un altro grado soltanto di incremento medio mondiale, cosa che sarebbe già un grande successo, il cambiamento climatico avrebbe degli impatti sull’Italia, in particolare su alcuni settori, agricoltura, turismo e infrastrutture costiere” afferma Carraro.

La lotta per contrastare il cambiamento climatico è un bene collettivo a livello economico e sociale: eventi climatici estremi come alluvioni, siccità, bombe di calore, stanno già manifestandosi con forza creando o accentuando differenze economiche già presenti. Gli interventi infrastrutturali dovranno essere pensati nell’ottica del loro impatto sulle risorse naturali.

Nel 2050 con un aumento della temperatura inferiore a 2°C si stima un possibile calo del Pil dello 0/-2%; in uno scenario meno ottimistico, in cui l’aumento della temperatura fosse del 2,7°C, il Pil scenderebbe del 2,5%. Con un aumento di 4,4°C le perdite arriverebbero al 3,7%.

“Abbiamo pensato che saremo comunque in grado di ridurre le emissioni e collocarci in un incremento intorno ai 2.7-3 gradi a fine secolo: questo è il caso peggiore che abbiamo considerato nel rapporto. Anche in questo caso che è molto più ottimista di molti altri studi il cambiamento climatico ha sull’Italia degli impatti molto molto rilevanti al 2050 insostenibili perché le perdite che vedete sono insostenibili dal punto di vista economico” ha aggiunto Carraro.