Radiofonia: Lorenzo Suraci (presidente Rtl 102.5), “Giorgetti stia attento alle trappole anti italiane”

20

Lorenzo SuraciMILANO – Il presidente di RTL 102.5, Lorenzo Suraci, commenta il dossier radiofonico della riforma del Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici Digitali (TUSMAR) rivolgendosi direttamente al Ministro dello Svilippo Economico, Giancarlo Giorgetti: “Tutte le imprese vitali aspirano a crescere. Chi va in direzione opposta ha solo trovato la rendita in una nicchia. È comprensibile che a non volere far crescere la Radio siano editori con interessi prevalenti in altri segmenti, temendone la forza nel raccogliere ascolti e pubblicità, non lo è che il nanismo sia l’ideale dei radiofonici”, dichiara il presidente di RTL 102.5.

Poi Lorenzo Suraci aggiunge: “Ma c’è un aspetto che supera ogni possibile obiezione: nel mondo del digitale non è che non esistano confini di copertura, locale o nazionale, proprio non esistono confini. Non sono neanche pensabili. Se li facciamo valere, arretrando anziché avanzando tecnologicamente, otterremo un solo risultato: condanneremo tutte le aziende italiane del settore a perdere in partenza la concorrenza nel mercato aperto, preparandoci a cedere mercato verso piattaforme che già abbondantemente approfittano dell’assenza di confini. È questo che si vuole? Se così è lo capiamo, ma da cittadini italiani e da imprenditori ci opponiamo e lo condanniamo. Se così non è, meglio, ma allora vuol dire che ci si deve in fretta accorgere dell’enorme e velenoso errore che ci si appresta a commettere tornando, in digitale, a far valere limiti e confini dell’analogico e del secolo scorso”.