Raggi assolta per l’inchiesta nomine in Campidoglio: “È la conferma che ho agito con la massima trasparenza”

22

virginia raggiROMA – “La Procura Generale presso la Corte d’Appello ha rinunciato a ricorrere in Cassazione evidentemente perché non ve ne erano i presupposti e la sentenza di secondo grado del 19 dicembre scorso è passata in giudicato”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, assolta definitivamente per l’inchiesta nomine in Campidoglio, che aggiunge: “In questi quattro lunghi anni non mi sono mai sottratta alle udienze, perché ho sempre avuto fiducia nella Giustizia. Ringrazio i miei legali, Alessandro Mancori, PierFrancesco Bruno ed Emiliano Fasulo per il lavoro eccezionale che hanno fatto. Questa notizia è la conferma che ho agito con la massima trasparenza e con l’amore che provo nei confronti della mia città e dei cittadini. E’ anche una bella notizia per Roma che rialza la testa dopo anni di scandali”.

E aggiunge: “Sono sempre andata avanti, a testa alta. E questo l’ho fatto soprattutto per la mia famiglia, per mio marito e mio figlio. Insieme abbiamo superato questi duri anni. Ho continuato a lavorare perché non potevo permettere che Roma facesse passi indietro. Questo lo dico anche a chi in questi anni ha cercato di gettarmi fango addosso: non permetterò mai che la mia città torni ad un passato di debiti, di favori agli amici degli amici. So che tantissimi cittadini la pensano come me. Insieme abbiamo tracciato una rotta, ad esempio, per la lotta alla criminalità”. Insomma, conclude Raggi, “Roma sta cambiando e intendiamo proseguire in questo percorso per il cambiamento”.