Rai, Sassoli a Foa: “Il 20 novembre si presenti e spieghi le sue ragioni agli eurodeputati Pd”

BRUXELLES – “Spero che non si faccia perdere tempo alla magistratura” e che “il 20 novembre” il presidente Rai, Marcello Foa, “si presenti per spiegare le sue ragioni e consentire di stabilire la verità”: così il vicepresidente del Parlamento europeo David Sassoli (Pd) commenta la convocazione della procedura di mediazione che, data “la gravità delle dichiarazioni diffamatorie pronunciate da Marcello Foa, è stata immediatamente depositata e già fissata per il prossimo 20 novembre a Roma”.

Il Presidente della Rai ha accusato tutti gli europarlamentari del Pd, che a loro volta hanno annunciato azioni giudiziarie, di essere stati finanziati dal magnate Soros.

“Mi auguro che Foa sia presente e spieghi le sue accuse. I danni provocati alla mia reputazione – sottolinea Sassoli – sono evidenti e, in modo particolare, riguardano il ruolo che ho svolto per diversi anni come capo-delegazione del Pd a Bruxelles e l’attuale funzione di vicepresidente del Parlamento europeo con delega alla politica del Mediterraneo e del Medioriente. Essere indicato come finanziato da un magnate della finanza, che neppure conosco né ho mai incontrato, produce un danno a me e all’istituzione che rappresento”.