Renzi: “A chi importa il destino di Conte o il mio? No autogol”

Matteo Renzi referendumFIRENZE – “Ma poi, vogliamo dirla tutta? A chi volete che importi del destino personale di Giuseppe Conte o anche del mio. Chi se ne frega di Conte. Che cosa ne so se è possibile dar vita o meno a un altro governo in questa legislatura, forse sì, forse no, non è questo il tema… Qui il tema è come evitare che in Emilia-Romagna e poi in Italia finisca com’è finita dopo la foto di Narni, e cioè che stravinca Matteo Salvini. Che cosa vogliono scattare, una bella foto di Carpi?”.

In un colloquio con il Corriere della Sera, Matteo Renzi torna sul suo messaggio ai partner di governo inviato ieri dalle colonne del Messaggero. “Io – prosegue – ho semplicemente fatto notare che, spostando di soli due mesi il taglio del cuneo fiscale, risolviamo contabilmente molti problemi…”.

Quanto alla plastic tax, “andate a chiedere a Stefano Bonaccini, che guida la prima Regione italiana per imballaggi, la stessa che andrà al voto a fine gennaio, se è d’accordo o meno con la legge sulla plastica… Ci sono tantissime soluzioni che si possono trovare evitando una stangata e magari evitando di perdere com’è successo in Umbria. Vale anche per i produttori di agrumi in Sicilia, che saranno colpiti dalla tassa sulle bevande zuccherate”.

Insomma, l’avviso è: ‘Evitare gli autogol’. L’ex premier risponde anche sulla sua presenza al Future Investment Initiative in Arabia Saudita: “Era annunciato che andassi e non mi nascondo certo andando a un forum di preparazione al G20 che si terrà in Arabia Saudita, tra l’altro circondato da fotografi” e con altri ex premier, come Cameron e Fillon.