Salvini: “Il corteo del 25 aprile non è una priorità, ora servono aiuti”

MILANO – “Io rispetto chi diede la vita in passato per la liberà del nostro Paese, ma in questo momento ritengo prioritario, più che andare a cantare ‘Bella Ciao’ in piazza e chiudere le porte delle carceri ai mafiosi e ai camorristi, aiutare con soldi veri e immediati i cittadini che ne hanno bisogno”.

Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini in merito ai cortei per il 25 Aprile. “Stamattina un parroco mi ha detto ‘ma come, a me impediscono di fare funerali e quant’altro e altri invece possono celebre, festeggiare, ricordare?'”, ha aggiunto Salvini, in collegamento con 7 Gold.