Sgarbi: “Il reddito di cittadinanza, così com’è, uccide la creatività”

31
Vittorio Sgarbi – foto ufficio stampa Vittorio Sgarbi

ROMA – “Il reddito di cittadinanza, così com’è, uccide la creatività: ci si accontenta della mancia di Stato. È un po’ come un sedativo: serve a mantenere lo “status quo”. Chi lo percepisce non ha alcun stimolo a cercare un lavoro o a inventarselo. Come si fa a non capirlo?”.

Se lo chiede, in una nota, Vittorio Sgarbi, critico d’arte e parlamentare, che poi aggiunge: “Bisogna aiutare chi non può lavorare o è troppo grande per trovarne uno nuovo. Ai giovani vanno date opportunità, non elemosine per fargli fare una vita da precari”.