Solosalvo parla del nuovo brano “Dalla parte del manico”

109

sonosalvo

“È una storia d’amore destinata ad avere una fine precoce. Mi sono innamorato di questo brano al primo ascolto. L’ho sentito subito mio”

È in rotazione radiofonica “Dalla parte del manico”, il nuovo singolo di Solosalvo. “Dalla parte del manico” è una canzone che esprime le emozioni che appartengono in alcuni casi a chi si trova ad essere lasciato suo malgrado. Affronta il dolore di un cuore spezzato che fino a quel momento dipendeva totalmente dall’altro, passerà attraverso la rabbia e il rancore fino ad arrivare all’odio per dimenticare definitivamente chi è riuscito con l’amore a ferire nel profondo, infine, dovrà cercare di rimettere insieme i pezzi imparando dagli errori che si commettono quando all’interno di una relazione, ci si annulla completamente.

Solosalvo ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Dalla parte del manico” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

“Dalla parte del manico” è una storia d’amore destinata ad avere una fine precoce, racconta la fine di una storia in cui ci si è messa l’anima e il cuore, ma che non sempre basta, e una canzone di forza e di crescita interiore per far fronte a tutte le difficoltà che una rottura porta con sé.

Che cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Voglio trasmettere la forza e il coraggio di rialzarsi dopo ogni caduta, l’amore è un’arma a doppio taglio e molto spesso si mettono in gioco sentimenti che non sono sempre ricambiati, ci si può rialzare, il tempo è l’unico modo che può aggiustare le cose.

Ti ci sei subito innamorato, perché?

Mi sono innamorato sin dal primo ascolto, mi ricordo, mi inviarono una bozza dell’intro e ho avuto subito i brividi. È un brano che trasmette a pieno le sensazioni di chi si ritrova ad essere lasciato suo malgrado, anche io ci sono stato dalla parte del manico almeno una volta, e le sensazioni sono quelle contenute nel singolo.

Come ti sei avvicinato al mondo della musica?

In realtà è avvenuto tutto per “gioco”, già da piccolo cantavo, ma si sa tutti i bambini sono bravi a cantare, quindi non ci ho mai dato molto peso. Però in prima media la mia professoressa di educazione vocale, ci fece cantare una canzone per conoscerci, mi disse :” sei molto bravo, dovresti prendere delle lezioni di canto”, cosi ascoltai il suo consiglio e da quel giorno capii che la musica era la mia vita.