Speranza: “costruire un servizio sanitario nazionale più forte”

53

Roberto SperanzaROMA – “In questo momento in cui si prova a ricordare che cosa è stato il 2020 e a costruire i migliori auspici per il 2021, io voglio semplicemente dirvi grazie. Grazie per il lavoro straordinario che avete fatto. Grazie per la vostra generosità, grazie per l’impegno, l’abnegazione, la determinazione con cui avete provato davvero a fare tutto il possibile”.

Con queste parole il Ministro della Salute, Roberto Speranza, si rivolge a tutti i medici e a tutto il personale sanitario, con un video-messaggio inviato in occasione del Concerto di Capodanno organizzato dalla Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, insieme all’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari.

Christmas in Gospel and Symphony”, questo il titolo del concerto, andrà in onda stasera, 1° gennaio, alle ore 20.50, su Tv2000 (canale 28 e 157 Sky) e sarà dedicato proprio ai medici, agli operatori sanitari, agli ammalati che lottano contro il Covid-19 e chi ha perso la vita nel contrastare questa pandemia.

Il concerto, trasmesso dalla Basilica Pontificia di San Nicola in Bari, è eseguito dall’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana, su iniziativa del Sindaco Antonio De Caro e del presidente della Fnomceo, Flippo Anelli.

“È stato un anno davvero difficile, questo 2020 – ricorda il Ministro nel messaggio – Credo che non lo dimenticheremo mai: è stato l’anno del Covid, l’anno di una pressione senza precedenti sulle nostre strutture sanitarie. L’anno di un impegno fortissimo di tutto il nostro personale sanitario, in modo particolare dei nostri medici”.

“Tanti di voi hanno pagato anche con il prezzo più alto – quello della vita – e credo che a loro debba essere rivolto, in modo particolare, il nostro pensiero e il nostro impegno quotidiano- continua Speranza -. E questo 2020 si chiude chiaramente ricordando ogni persona che ha fatto tutto quello che poteva per provare a dare una mano per uscire da questa crisi”.

“Ora arriva il 2021: e arriva con qualche arma in più. Aver iniziato la campagna di vaccinazione, avere, da qui a pochi mesi, la possibilità di vaccinare milioni di persone – aggiunge – E poi, ancora, poter utilizzare gli anticorpi monoclonali, poter utilizzare i test più efficaci ci mette nelle condizioni di avere più fiducia nel futuro, di avere una fiducia più ragionata rispetto a un anno che sarà sicuramente migliore rispetto a quello che abbiamo passato finora”.

“Però è chiaro che il vaccino, gli anticorpi, i test sono strumenti: poi quello che fa la differenza, come sempre, sono le persone – conclude il Ministro della Salute – E io penso che l’impegno che dobbiamo assumere, tutti insieme, è costruire sempre un servizio sanitario nazionale più forte. E le donne e gli uomini che lavorano dentro il servizio sanitario nazionale sono davvero la nostra arma decisiva e allora grazie grazie ancora per quello che avete fatto fin qui. E io vi auguro davvero un 2021 denso di soddisfazioni e che ci possa finalmente far aprire quella nuova stagione che tutti aspettiamo. Buon anno”.