Tamponi, Acerbo (Prc-Se): “Basta speculazioni, calmierare i prezzi”

ROMA – “Da troppo tempo si sta ripetendo per i tamponi quanto già accaduto per le mascherine. Ancora una volta si sta consentendo di speculare. Tantissime persone sono costrette a rivolgersi a laboratori privati per i tamponi e pagano cifre che appaiono spropositate. Il governo deve intervenire calmierando i prezzi come si è già fatto con grande ritardo per le mascherine. Basta speculazioni!”. Lo afferma in una nota Maurizio Acerbo (foto), segretario nazionale Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

“I tamponi – aggiunge – dovrebbero essere gratis e garantiti a milioni dal servizio sanitario nazionale. Ma a fronte della Caporetto di regioni e governo non si può costringere cittadine/i a pagare 90-100-120 euro per il tampone. Invece di chiedere di non fare i tamponi agli asintomatici gli incapaci presidenti delle regioni lavorino per garantire tracciamento e tamponi. Il governo impari dai cinesi come fanno a fare tamponi a milioni di persone in una settimana”.