Tasse non pagate, è boom di pignoramenti. Udicon: “Ma non sono evasori”

22

ROMA – “Tante segnalazioni” per atti di pignoramento per imposte non pagate negli anni precedenti, ma il più delle volte si tratta di “persone che non sono riuscite a pagare le tasse, perchè la pandemia ha morso tanti settori e alcuni non ce l’hanno fatta” e adesso “si vogliono mettere in regola”. C’è anche il caso di un cittadino a cui “nello stesso giorno è arrivato il diniego della rateizzazione da una parte e il pignoramento della pensione dall’altra”. È quanto segnala Udicon Emilia-Romagna, che dal suo osservatorio di associazione dei consumatori sottolinea il fenomeno e stigmatizza il comportamento dell’Agenzia delle entrate. “Non è corretto in questo momento aggredire i patrimoni dei cittadini che non sono evasori fiscali, sono persone che non sono riuscite a pagare le tasse, perchè la pandemia ha morso tanti settori – attacca il presidente Vincenzo Paldino, parlando all’agenzia ‘Dire’ – a questi cittadini dovrebbe essere consentito di mettersi in regola”.

“Dopo la sospensione dei procedimenti di pignoramenti di pensioni e stipendi “da marzo 2020 a settembre 2021, con l’auspicio di poter aver collaborazione da parte degli enti preposti”, anche in conseguenza della crisi pandemica, in questo momento “non è corretto aggredire i patrimoni dei cittadini che non sono evasori fiscali”, e anzi “a queste persone dovrebbe essere data la possibilità di rientrare”, sostiene ancora Paldino. A questo proposito, segnala ancora il numero uno dell’associazione, “abbiamo avuto un caso addirittura in cui è stato fatto un pignoramento nell’arco temporale dei cinque giorni che il cittadino ha per chiedere la rateizzazione”, per cui “nello stesso giorno è arrivato diniego della rateizzazione da una parte e pignoramento della pensione dall’altra. Ecco, riteniamo che casi come questi vadano assolutamente stigmatizzati”, conclude Paldino.