Terremoto in Turchia e Siria: supporto psicosociale da Azione contro la fame

96
edificio crollato
Un edificio crollato alla periferia di Antiochia (Hatay, Turchia) © Ana Mora Segura / Azione contro la Fame

Le équipe di Azione contro la Fame sono al lavoro per rispondere a questa crisi umanitaria fin da poche ore dopo i terremoti di magnitudo 7,8 e 7,5 della scala Richter che hanno scosso il sud-est della Turchia e il nord della Siria

Lunedì 20 febbraio, due settimane dopo il terremoto in Turchia e Siria, la terra ha tremato di nuovo con terremoti di magnitudo 6,4 e 5,8 della scala Ritcher, che hanno colpito nuovamente il sud-est della Turchia, vicino al confine con la Siria. Questo nuovo terremoto, insieme alle oltre 3.000 scosse di assestamento che si sono contate nei giorni successivi al primo sisma, rende ancora più necessario fornire un aiuto psicologico alle vittime per superare la paura e altri tipi di patologie che possono comparire se non vengono curate in tempo.

Secondo l’esperta psicosociale di Azione contro la Fame, Silvia Rodríguez, impegnata in Turchia, “in emergenze come questa, le persone subiscono molte perdite umane e materiali e devono cambiare tutti i loro piani da un giorno all’altro. Non sanno se riusciranno a mangiare, dove dormiranno…”. Tutto questo ha un enorme impatto sul loro benessere psicosociale. “Sappiamo che la percentuale di persone che hanno bisogno di un aiuto specializzato a lungo termine è relativamente bassa, a condizione che durante le prime fasi della crisi ricevano un sostegno per essere in grado di contenere e gestire adeguatamente queste emozioni e abbiano un accompagnamento psicosociale fin dall’inizio”, sottolinea Rodríguez.

L’esperta sottolinea che nelle prime settimane “le reazioni intense sono una risposta naturale alla crisi che hanno vissuto”, per cui non è opportuno parlare di patologie o problemi di salute mentale finché “dopo il primo mese iniziamo a valutare se le persone hanno davvero difficoltà a superare questo evento e necessitano di un intervento più specializzato”.

“Le reazioni più normali, soprattutto nelle prime settimane, sono sintomi di depressione, ansia e disturbi del sonno. In quest’ultimo caso, ad esempio, se le persone non riescono a dormire per una settimana, si ritiene già che ci sia un problema da trattare, perché è una reazione che renderà difficile il loro corretto funzionamento in altri ambiti, come la cura di sé, l’alimentazione o la partecipazione alle attività della comunità”.

È per questo che la risposta all’emergenza include l’assistenza psicosociale, un approccio fondamentale in questo momento per prevenire lo sviluppo di patologie psicologiche tra i sopravvissuti. Il sostegno psicologico alle vittime, ma anche alle nostre squadre di emergenza sul campo, che spesso si trovano ad affrontare situazioni estreme, è essenziale.

Dopo una crisi come quella di questo terremoto, il più catastrofico nella storia moderna di questa parte del mondo, molte persone hanno difficoltà a svolgere attività di base, come mantenere la propria igiene o prendersi cura dei bambini, perché soffrono di sintomi depressivi e sono a corto di energia. Inoltre, nelle settimane sono molto frequenti gli attacchi di panico. Per questo motivo, è essenziale che le persone che lavorano con questa popolazione siano in grado di individuare questi casi, indirizzarli a risorse specializzate se possibile e, in caso contrario, contenerli con un primo soccorso psicologico.

Se queste persone hanno accesso al primo soccorso psicologico, a gruppi di sostegno o ad attività in cui possono contribuire alla comunità e rimanere attive, la percentuale di casi con problemi di salute mentale a medio o lungo termine può essere notevolmente inferiore.

BUONE PRATICHE: UNA CUCINA COMUNITARIA PER RAFFORZARE LA COESIONE SOCIALE

Una delle prime attività avviate dal team di emergenza di Azione contro la Fame in Turchia è stata quella di sostenere una cucina comunitaria nella provincia di Kahramanmaraş con strumenti da cucina, cibo, kit igienici, fornelli e coperte, gestita da volontari colpiti dalla crisi che hanno assunto un ruolo attivo nel sostenere la loro comunità.

“Uno dei sentimenti principali dopo un evento come questo è la disperazione e la sensazione di essere una vittima, di non poter essere parte della soluzione. La cucina comunitaria di Kahramanmaraş è un ottimo esempio di come partecipare alla distribuzione e alla preparazione del cibo rafforzi il sostegno sociale delle persone colpite, il loro legame con le altre persone colpite e la loro consapevolezza di avere un ruolo importante nella risposta che si sta verificando”, sottolinea Rodriguez.

Inoltre, insieme all’organizzazione umanitaria Support to Life, partner di Azione contro la Fame in Turchia, si stanno pianificando una serie di attività volte a soddisfare le esigenze psicologiche per aiutare la popolazione sfollata a stabilire routine all’interno della loro vita attuale, nel modo più sano possibile e che contribuisca al loro recupero a livello psicosociale, nonché la creazione di spazi sicuri per madri e bambini, dove poter lavorare a livello psicosociale con loro e promuovere attività di gioco e benessere per i più piccoli.

COME AIUTARE NELL’EMERGENZA TERREMOTO IN TURCHIA E SIRIA

Dona ora su bit.ly/emergenza_terremoto_Siria_Turchia
IBAN: IT98 W030 6909 6061 0000 0103 078 (causale: emergenza terremoto)
Conto Corrente Postale: 1021764194 (causale: emergenza terremoto)