Ucraina, Calenda: “Il disimpegno è storia del M5s, governo li ignori”

25

ROMA – “Un sistema di difesa comune deve essere realizzabile, noi in Europa non abbiamo un sistema di difesa antimissile per esempio, che è fondamentale avere, ma mentre lavoriamo per la difesa comune dobbiamo incrementare gli investimenti in difesa italiani; spendiamo molto per il personale e pochissimo per l operatività, abbiamo forze armate che hanno difficoltà a essere operative nel caso ad esempio di dover reagire su un teatro di guerra”.

Lo ha detto il segretario di Azione, Carlo Calenda, a margine dell’incontro “Verso un’Unione per la difesa” al Tempio di Adriano. E rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sui “dubbi” del M5s sull’invio di armi all’Ucraina ha aggiunto: “Credo che il termine disimpegnarsi riguardi in generale il Movimento 5 stelle, disimpegnarsi è la loro storia. Il governo deve tirare dritto e ignorarli vediamo se hanno il coraggio di farlo cadere”.