Ucraina, Salvini: “Da Letta, Renzi e Meloni solo critiche, sono sconcertato”

22

ROMA – L’ex ministro dell’interno Matteo Salvini è “sconcertato” e “dispiaciuto” per le critiche sul suo possibile viaggio a Mosca e replica a “Letta, Renzi, Calenda e Meloni” dicendo: “A volte mi viene voglia di dire: ma chi me lo fa fare, io passo due giorni coi miei figli e tenetevi le vostre polemiche e la vostra guerra”.

Parlando ad un’iniziativa elettorale a Parma, il leader della Lega spiega: “Ci sono temi che dovrebbero unire. Sono stupito, sconcertato, stupefatto, dispiaciuto, sconcertato, dal fatto che la ricerca della pace preveda divisioni a sinistra. E quando parlo di pace non parlo del fatto che vado in giro per Parma con la bandiera della pace, i ‘dread’, facendomi un cannone, urlando ‘peace and love’… La pace va costruita, faticata”.

Aggiunge Salvini: “Pensavo che costruire la pace valesse la pena. Non pretendo applausi, ma neanche insulti. Non è un week end a Forte dei marmi…”. Invece “da Letta a Renzi, dalla Meloni a Calenda un grido di attacchi e polemiche”. Conclude il leader leghista: “Poi per carità: io ci lavoro e ci lavorerò. Però…”.