Von der Leyen: “Formiamo insieme un’unione dell’energia”

21

BRUXELLES – “Restiamo uniti e formiamo insieme la nostra Unione dell’energia, forte e resiliente”, è l’appello lanciato dalla presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, intervenendo all’inaugurazione dell’interconnettore (gasdotto) tra la Grecia e la Bulgaria. “La crisi energetica è grave. E richiede dall’Europa una risposta comune che permetta di ridurre i costi energetici per famiglie e imprese. Abbiamo già fatto passi importanti”, ha proseguito Von der Leyen. “Ad esempio, ieri abbiamo concordato insieme di limitare i profitti eccezionali realizzati da alcune società energetiche. Bisogna fare di più”.

“L’Europa – ha aggiunto – ha tutto ciò di cui ha bisogno per liberarsi dalla nostra dipendenza dalla Russia. È una questione di volontà politica. Senza una risposta europea comune, rischiamo seriamente la frammentazione”. E ancora: “Come in passato, dobbiamo preservare condizioni di parità ed evitare distorsioni del mercato unico. Quindi il compito che ci attende è chiaro. Dobbiamo fare di più per contenere l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia che stanno indebolendo la nostra economia”. Il gasdotto tra Grecia e Bulgaria “è un punto di svolta per la Bulgaria e per la sicurezza energetica dell’Europa. E significa libertà dalla dipendenza sul gas russo” per Sofia.

“Oggi inizia una nuova era per la Bulgaria e per l’Europa sudorientale”, ha detto ancora la presidente della Commissione Ue. “La Bulgaria riceveva l’80% del gas dalla Russia” prima che “Putin decidesse di lanciare una guerra atroce contro l’Ucraina e una guerra energetica contro l’Europa”. E infine: “Sia qui in Bulgaria che in tutta Europa persone stanno subendo le conseguenze della guerra della Russia. Ma grazie a progetti come questo, l’Europa avrà abbastanza gas per l’inverno”. Il progetto, ha ricordato von der Leyen, “è sul tavolo da oltre dieci anni”.