WindTre e La Spezia insieme per il modello smart city

28

LA SPEZIA – WindTre e il Comune della Spezia sottoscrivono il protocollo d’intesa per supportare la transizione della città verso il modello di smart city. L’obiettivo della collaborazione è quello di sviluppare le competenze tecnologiche e di progettare soluzioni innovative dedicate a cittadini e imprese del territorio, come l’efficienza energetica, la digitalizzazione dei processi decisionali in ambito turistico e di mobilità gestita dai servizi di Big Data Analytics.

“Questo importante progetto di collaborazione con il Comune della Spezia, afferma Stefania Matrone, Direttrice Transformation & Development Office dell’azienda, si inserisce nel solco dell’impegno di WINDTRE di ridurre il digital divide e si concretizza nel mettere a disposizione delle amministrazioni infrastrutture di ultima generazione, servizi evoluti, ma anche un ricco patrimonio di know-how e competenze sviluppate sul campo che permettono di definire soluzioni su misura, ritagliate in base alle esigenze specifiche del territorio”, conclude la manager.

“La digitalizzazione e il modello smart city sono due obiettivi strategici per la nostra Città – dichiara il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini – in questi anni abbiamo fatto passi da gigante, ma con questo accordo li faremo ancora di più. Soprattutto, perché questi obiettivi sono legati anche alla necessità di insistere ulteriormente sull’obiettivo della “Spezia Green 2.0””.

Infatti, uno dei dieci obiettivi, concreti, misurabili ed integrati nel business del piano di sostenibilità WINDTRE è quello di mettere il digitale al servizio delle smart city e disegnare insieme alle amministrazioni locali la transizione green delle città italiane. L’azienda promuove da anni soluzioni e progetti mirati ad accompagnare il Paese verso un futuro più sostenibile ed inclusivo e si propone di raggiungere, entro il 2030, ambiziosi risultati nell’ambito di tutte e tre le dimensioni ESG (Environmental, Social and Governance), in linea con l’Agenda ONU 2030.