Zaia: “Il treno dell’autonomia non si fermerà”

ROMA – Il ministro per gli Affari Regionali Erika Stefani ha convocato tutte le Regioni a Roma per riprendere il discorso sull’autonomia differenziata. I presidenti di Veneto e Lombardia chiedono al Governo di incardinare il provvedimento in Parlamento perchè “il treno dell’autonomia – ha detto Zaia – non si fermerà”.

9 Regioni hanno gia’ chiesto di poter gestire una serie di materie, cosi’ come prevede l’art. 116, 3 di queste – Veneto Emilia Romagna e Lombardia – sono pronte a partire. Ma a parte il numero delle materie da gestire, tutti o quasi paiono essere in ‘guerra’: i governatori e parte del governo da una parte, i governatori tra loro dall’altra, e il governo al suo interno.

Stefani ha detto di “attendere dai presidenti di Camera e Senato di capire quale sia l’iter per il dibattito parlamentare, al quale sono totalmente aperta. Ad oggi non sono stati sciolti i nodi politici sulle richieste per alcune materie. Sono nodi che devono essere analizzati e sviscerati, ad oggi non ho una rappresentazione univoca”.