37° edizione della Mostra del Tartufo Bianco a Città di Castello (PG)

Con oltre 8000 cavatori quello del tartufo è un settore che traina l’economia di un intero territorio

mostra-del-tartufo-bianco

CITTÀ DI CASTELLO (PG) – Città di Castello (Perugia) si prepara per la 37° edizione della Mostra del Tartufo Bianco, evento che dal 28 ottobre al 1 novembre prossimi riconferma lo stretto legame del tartufo con l’Umbria, la regione più produttiva d’Italia, con una media di 25 tonnellate di tartufi freschi all’anno (in Italia se ne raccolgono circa 80 tonnellate all’anno) ed un fatturato che supera i 20 milioni di euro, tra prodotto raccolto, lavorato e commercializzato.

Una mostra speciale quella di quest’anno che sarà dedicata non soltanto alla trifola ed ai prodotti ad essa legati, ma anche alla solidarietà: la 37° edizione, infatti, sarà di aiuto ad Accumuli ed Amatrice grazie ad una raccolta fondi ed alla promozione di alcuni piatti e prodotti tipici di queste due città.

Tema principale della rassegna, come sempre, sarà il tartufo bianco, che anche per quest’anno si vestirà a festa attraverso una serie di espositori che ne faranno conoscere la storia e le caratteristiche ed attraverso noti chef locali che prepareranno golosi piatti e mostreranno, con divertenti cooking show, la versatilità di questa perla gastronomica, che nell’Umbria trova la sua terra ed il suo clima ideali.

Da segnalare tra le più interessanti novità in questa edizione, la cena di solidarietà per le popolazioni terremotate, lo spazio dedicato ai Presidi Slow Food dell’Umbria dove si terranno anche incontri e dibattiti a firma Terra Madre e la riunione della carica dei 101 cani da tartufo, chiamati ad animare Città di Castello e godersi un po’ le luci della ribalda, a dimostrazione del loro preziosissimo lavoro.

Un momento di festa anche per ricordare il dato sull’export dei tartufi freschi, di cui l’Umbria detiene il primato, rappresentando il 45% delle esportazioni dall’Italia all’estero, con un introito medio annuo che sfiora i 6 milioni di euro. Importante, inoltre, la forza lavoro generata da questo comparto nel quale sono impiegate migliaia di persone, di cui 8mila cavatori. Del resto l’Umbria è la regione più produttiva d’Italia, con una media di 25 tonnellate di tartufi freschi all’anno (in Italia se ne raccolgono circa 80 tonnellate all’anno) rappresentando quindi oltre il 30% della produzione totale.

“È la forza della nostra città e del nostro territoriospiega il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchettaquello di poter mettere in rete le eccellenze agroalimentari, come il tartufo, insieme all’arte, l’architettura ed il paesaggio, tutto a disposizione delle migliaia di turisti che aspettiamo anche per questo ricco fine settimana di eventi”.