Il cybercrime costa all’economia 500 miliardi di dollari

rete internetROMA – Il cybercrime costa all’economia mondiale quasi 600 miliardi di dollari, pari allo 0,8% del Pil globale. Lo dice un rapporto realizzato da McAfee e dal Center for Strategic and International Studies (CSIS), un dato in aumento rispetto allo studio precedente che nel 2014 ha stimato le perdite globali in circa 445 miliardi di dollari. Secondo la ricerca la crescita è avvenuta nell’arco di tre anni grazie all’abilità dei criminali informatici di adottare “rapidamente le nuove tecnologie e alla relativa facilità di entrare nelle fila della criminalità informatica” ma anche per “la crescente sofisticazione finanziaria dei criminali informatici di alto livello”.

I ricercatori hanno rilevato come il furto di proprietà intellettuale rappresenti almeno “il 25% del costo della criminalità informatica e minacci la sicurezza nazionale quando si tratta di tecnologia militare”. Il ransomware, cioè quel virus che prendono in ostaggio i pc e per liberarlo bisogna pagare un riscatto agli hacker, è lo strumento di criminalità informatica in più rapida crescita. Infine, l’anonimato delle valute digitali come i Bitcoin e l’utilizzo di Tor, software per navigare in anonimato, protegge gli attori dall’identificazione.

“Il digitale ha trasformato quasi tutti gli aspetti della nostra vita, compresi il rischio e il crimine, che digitalizzandosi è diventato più efficiente, meno rischiosa, più redditizio e facile da compiere come non mai”, dice Steve Grobman, Chief Technology Officer di McAfee.