Elezioni, Di Maio: “Il programma del M5S non è in svendita”

ROMA – Il candidato premier del M5S, Luigi Di Maio, ha fatto un nuovo passo verso la definizione semantica di quell’accordo programmatico con altri partiti: da un lato ha precisato che il “programma del M5S non e’ in svendita” ma, allo stesso tempo, ha dato “ampia disponibilità” ad aggiungere, ai 20 punti pentastellati, le priorita’ proposte dai partiti che potrebbe incontrare dopo il 4 marzo. La nuova apertura di Di Maio arriva in un momento cruciale della campagna, quello della definizione delle liste.

Lunedi’, assicura, saranno presentati i nomi della societa’ civile con cui il M5S intende “far tremare i polsi agli avversari” ma, nel frattempo, emergono i primi profili: oltre al presidente del Potenza Calcio Salvatore Caiata il M5S schierera’, come candidati esterni, il giornalista Primo Di Nicola in Abruzzo, l’ex comandante del Corpo Forestale Maurizio Cattoi e la direttrice della rete museale dei Monti Sibillini Daniela Tisi nelle Marche. Alla lista si aggiungeranno, nelle prossime ore, nomi di attori, imprenditori e professionisti.

Il M5S attuera’ una riduzione Irpef che portera’ “un guadagno mensile, a persona, di 150 euro”, assicura in un’intervista all’Huffington lanciando la risposta pentastellata agli 80 euro renziani. Del resto, l’obiettivo del leader M5S e’, a seconda delle aree geografiche, attirare i voti degli scontenti di centrosinistra e di centrodestra.