La proposta di Grillo: “Due reti Rai private, una senza pubblicità”

Beppe GrilloROMA – “Rai Tre, Rai Due, Rai Uno: due saranno messe sul mercato e una senza pubblicità”. La finestra socchiusa, il volto in penombra e il megafono ad amplificare l’inconfondibile voce, Beppe Grillo lancia il suo proclama sulla televisione pubblica. Lo fa dalla stanza dell’hotel Forum, dove soggiorna nel suo weekend romano e dove ha incontrato l’ex presidente dell’Ecuador Rafael Correa.

E a pochi giorni dalla sortita di Luigi Di Maio sul “censimento dei raccomandati Rai”, rilancia un tema caldo per il governo pentaleghista, che per ora ha rinviato il nodo delle nomine Rai.

“Questo dice ‘l’Elevato’ e accontentatevi di questo, grazie”, si limita a dichiarare Grillo, che dalla Rai fu allontanato negli anni ’80. Il fondatore del Movimento già in passato aveva lanciato la sua idea di privatizzazione parziale della tv di Stato.