PJ Harvey, unica data italiana il 25 agosto al Todays Festival di Torino

PJ Harvey
PJ Harvey

TORINO – PJ Harvey, la regina indiscussa del rock, arriva in Italia reduce dal successo dell’ultimo acclamato album “The Hope Six Demolition Project”, pubblicato nel 2016 da Island Records (Universal Music). Venerdì 25 agosto sarà la sua unica data italiana in occasione del Todays Festival di Torino (sPAZIO211 open air, Via Cigna, 211, Parco Sempione). Apertura porte ore 18 – inizio concerti ore 19. Prezzi dei biglietti:

biglietto singola giornata 25 agosto (con accesso a tutti i concerti): 25 Euro + d.p.

abbonamento 2 giorni (con accesso a tutti i concerti dei 2 giorni scelti): 40 Euro + d.p.

abbonamento 3 giorni (25, 26 e 27 agosto con accesso a tutti i concerti): 60 Euro + d.p.

prevendite attive su www.ticketone.it e www.vivaticket.it dalle ore 12 di  venerdì 10 marzo

Informazioni prevendite biglietti singoli ed abbonamenti:

Ticketone – www.ticketone.it – 892 101

Vivaticket – www.vivaticket.it – 892.234

e presso tutti i punti vendita autorizzati

www.todaysfestival.com

“The Hope Six Demolition Project” trae ispirazione dai numerosi viaggi intrapresi da PJ Harvey che, in quattro anni, ha viaggiato tra il Kosovo, l’Afghanistan e gli Stati Uniti. E’ stato registrato alla Somerset House, dove PJ, la sua band, gli ingegneri del suono e i produttori Flood e John Parish, hanno lavorato a tutte le fasi del disco in uno studio di registrazione appositamente costruito dietro ad un vetro per consentire al pubblico di osservare ciò che succedeva all’interno.

“Quando scrivo una canzone visualizzo l’intera scena – afferma PJ Harvey – Posso vedere i colori, dire l’ora del giorno, percepire lo stato d’animo, vedere il cambio di luce, le ombre in movimento, tutto è racchiuso in quella foto. Raccogliere informazioni da fonti secondarie era troppo lontano per comprendere appieno quello che stavo cercando di scrivere. Volevo annusare l’aria, sentire la terra e incontrare la gente dei paesi di cui ero affascinata”.

Nono album della sua carriera, “The Hope Six Demolition Project” arriva dopo il successo di “Let England Shake” (disco vincitore del suo secondo Mercury Prize nel 2011), ha ricevuto nomination ai Grammy Awards e Q Awards ed è stato eletto tra i migliori album 2016 da un’infinità di magazine mondiali come Mojo, Uncut, The Guardian, NME, Washington Post oltre ad aver raggiunto la vetta nelle classifiche inglesi.