Academy del M5S, il marchio registrato all’Euipo: tra i docenti anche il ministro Toninelli

ROMA – Il primo marzo la registrazione del sito internet del nuovo progetto. Il giorno successivo – antivigilia delle elezioni politiche che avrebbero incoronato il M5S come prima forza politica del Paese – sul palco della manifestazione conclusiva della campagna elettorale grillina, a Roma, l’annuncio dell’imminente lancio di Rousseau Open Academy, ‘scuola’ di formazione sulla cittadinanza digitale. Il 27 maggio a Ivrea la presentazione ufficiale dell’iniziativa, con Davide Casaleggio. Il 23 luglio l’ultimo passo, con la registrazione del brand della ‘Frattocchie’ digitale presso l’Euipo (l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale): il marchio, di proprietà dell’Associazione Rousseau, ha la forma di un mouse stilizzato con dentro la ‘A’ di Academy, colorata di rosso.

“La vera ricchezza nasce dal mettere in relazione persone e saperi. Costruiamo insieme una nuova conoscenza collettiva”, si legge sulla home page del sito di Rousseau Open Academy, l’ultima ‘dimensione’ della galassia Rousseau, la piattaforma web del Movimento 5 Stelle gestita da Casaleggio. Un portale dove gli utenti possono proporre o richiedere corsi sul tema della cittadinanza digitale compilando un apposito form e inserendo i propri dati.

L’obiettivo, ha aggiunto, è quello di “creare un’intelligenza collettiva che ponga il sapere come infrastruttura e, attraverso questo progetto, ci apriamo al mondo”. Ad oggi però i corsi disponibili sul sito della ‘scuola virtuale’ M5S sono solo sei.

Tra i ‘prof’ reclutati da Rousseau troviamo due esponenti del governo: il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli (titolare del corso su come ‘presentare proposte di legge con gli strumenti di democrazia diretta’) e il sottosegretario al Mef Laura Castelli (‘definire la destinazione delle risorse del comune con il bilancio partecipativo’, il titolo delle sue lezioni). Disponibili anche corsi a cura di Massimo Di Felice (docente di Teorie e tecniche dei nuovi media all’Università di San Paolo del Brasile), Erika Alessandrini (consigliera comunale 5 Stelle a Pescara), Angelo Sturni (portavoce M5S in Comune a Roma) e Rosario Fondacaro (manager Deloitte, candidato in Parlamento alle ultime politiche). Nelle vesti di madrina dell’iniziativa c’è Enrica Sabatini, consigliera pescarese M5S e socia dell’Associazione Rousseau.

Il progetto della della Open Academy si inserisce nel solco del ‘Manifesto per la cittadinanza digitale’ sottoscritto dall’Associazione Rousseau insieme a docenti, ricercatori e centri di ricerca di diversi Paesi. “Parte dell’attività dell’Associazione – spiega un post del Blog delle Stelle – sarà dedicata proprio alla riflessione su questi temi e alla ‘lotta’ per il riconoscimento dei diritti del cittadino digitale in tutto il mondo”. Per Casaleggio il tema della digital citizenship rappresenta un vecchio pallino, così come quello del libero accesso alla rete.

“Sedici milioni di persone in Italia non si collegano a internet. Ventisette milioni non si collegano nel mese. E’ ora di porre rimedio. Creiamo le fontane di internet. Garantiamo l’internet potabile a tutti”, ha scritto recentemente in un articolo per Wired il figlio del co-fondatore del Movimento 5 Stelle. Intanto lo scorso 9 agosto Rousseau ha festeggiato il traguardo dei 100mila iscritti certificati. Un risultato importante ma ancora lontano dall’obiettivo del milione di iscritti fissato un anno fa da Casaleggio per la fine del 2018.