Australia, guidi col cellulare? Telecamere hi-tech per multare chi si distrae in auto

cellulare autovettura

Entro dicembre parte il programma per cogliere in flagrante i distratti al volante: un sistema supertecnologico rileva l’uso dello smartphone anche in automobili che viaggiano a 300 chilometri orari

AUSTRALIA ‒ Una delle principali cause di incidenti stradali è la distrazione: l’alterazione dei nostri processi di attenzione mentre siamo al volante può essere causata da fattori molteplici, e tra questi vi è l’uso dello smartphone. Per prevenire gli incidenti stradali, il governo dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud si è dotato di un sistema hi-tech basato su “telecamere intelligenti” in grado di individuare l’utilizzo del cellulare da parte di chi è alla guida di un veicolo.

Entro il prossimo dicembre verranno infatti installate 45 telecamere su tutto il territorio, senza che ne venga segnalata la presenza. I dispositivi funzioneranno in qualsiasi condizione ottica, ovvero anche di notte, e meteorologica, e saranno attivi 24 ore su 24.

Ogni apparecchio si compone di due camere, della quali una rileverà la targa mentre l’altra, puntata verso il parabrezza dall’alto, individuerà la posizione delle mani del conducente. La telecamera, attraverso sofisticati algoritmi, è in grado di individuare se colui che è alla guida ha tra le mani un cellulare.

Le relative immagini vengono prima analizzate da un’intelligenza artificiale e poi vagliate da una persona reale: in seguito alla verifica viene inviata la contravvenzione, che ammonta a 344 dollari australiani.