Auto: primo segno positivo Europa, +1,1% a settembre

auto parcheggiateTORINO – Dopo otto mesi di cali il mercato dell’auto dell’Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito) registra a settembre il primo segno positivo dell’anno. Le immatricolazioni – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei – sono state 1.300.050 con un incremento dell’1,1% sullo stesso mese 2019. Da inizio anno sono state vendute 8.567.920 auto, il 29,3% in meno dello stesso periodo dell’anno scorso.

Fca ha immatricolato a settembre in Europa Occidentale (Ue più Efta più Regno Unito) 77.807 auto, l’11,8% in più dello stesso mese del 2019, con un aumento della quota dal 5,4 al 6%. Da inizio anno le immatricolazioni del gruppo sono 490.200, in calo del 33,9% sull’analogo periodo del 2019. La quota passa dal 6,1 al 5,7%. Tra i brand del gruppo, Jeep immatricola quasi 14.800 vetture, con una crescita del 24,7%, e raggiunge una quota dell’1,1% (+0,2%) rispetto a settembre 2019. Lancia, con poco meno di 4.700 registrazioni, registra un aumento delle vendite del 12,4%, con quota allo 0,4% (+0,1%). Fiat nel mese immatricola quasi 53.900 vetture (+10%) e ottiene una quota del 4,1% (+0,3%).

Sostanzialmente stabile Alfa Romeo, con oltre 4.100 immatricolazioni e quota allo 0,3%. Oltre alla crescita ottenuta in Italia, dove Fiat Chrysler Automobiles incrementa i volumi del 17,5% in un mercato che cresce del 9,5% (Jeep +24,3%, Fiat +19,1% e Lancia +12,5%), altrettanto positivi sono i risultati ottenuti in Germania e in Spagna. In Germania (dove il mercato cresce dell’8,4%) Fca migliora le vendite del 23,5% (Alfa Romeo +56,9%, Fiat +26,7%, Jeep +11%), mentre in Spagna (-13,4% io mercato) il risultato Fca è in controtendenza: +5,7%, e crescono anche Fiat (+9,1%) e Jeep (+5,3%). Sono numerosi i modelli Fc che ottengono positivi risultati in settembre.

Il segmento A è quello che ha perso maggiormente a causa della pandemia (vendite in calo del 42,2% nel progressivo annuo rispetto al -29,6% della media di tutti i segmenti) ma nonostante ciò le Fiat 500 e Panda ottengono risultati positivi in Europa, confermandosi le più vendute della categoria. Con 18.400 immatricolazioni (+5,4%) la 500 ottiene una quota del 18,9% (+2,3%), mentre sono 17.400 le registrazioni di Panda (+36,6%) pari al 17,9% di quota (+5,8%). Bene nel segmento B la Lancia Ypsilon, che aumenta i volumi di vendita rispetto all’anno scorso del 12,8%, e nel segmento D della Alfa Romeo Giulia, che registra una crescita delle vendite pari al 10,9%. In crescita anche le Jeep Renegade (+24,3%), Wrangler (+25,6%) e Compass (+38,4%) e l’Alfa Romeo Stelvio (+4,9%).