“Be Green, Be Smart, Be Farmer”, il nuovo programma di Gambero Rosso Channel

38

MILANO – Le sfide dell’innovazione e della lotta ai cambiamenti climatici in agricoltura raccontate attraverso le ricette di uno degli chef stellati più noti del Belpaese. È questo il concept di “Be Green, Be Smart, Be Farmer”, il programma televisivo in 20 puntate prodotto da Citynews nell’ambito dell’omonimo progetto finanziato dall’Unione europea, e che andrà in onda ogni sabato su Gambero Rosso Channel. Le prime due puntate saranno trasmesse oggi (26 febbraio) alle ore 12 e affronteranno i temi del biologico e delle pratiche sostenibili nei settori della trasformazione.

A condurre lo show è Alex Giordano, uno dei maggiori esperti italiani di innovazione nel settore agroalimentare. Con lui, ospiti fissi di ogni puntata, ci sono Pasquale Di Rubbo della Dg Agri della Commissione europea, e Alfonso Iaccarino, chef e proprietario di Don Alfonso 1890, ristorante di Sant’Agata sui due Golfi che alle due stelle Michelin “classiche” ha aggiunto di recente la stella verde assegnata per l’impegno verso la sostenibilità ambientale.

“Con questo programma vogliamo portare a tavola la grande rivoluzione che sta attraversando il settore agroalimentare – spiega Dario Prestigiacomo, coordinatore editoriale di AgriFoodToday.it – Parliamo di innovazione e sostenibilità, ma anche e soprattutto di come sta cambiando la produzione alimentare lungo tutta la filiera, dai campi alla tavola, sotto la spinta da un lato dei rischi climatici, dall’altro dell’Ue e delle sue politiche, dalla Pac, la Politica agricola comune, alle strategie Farm to fork e Biodiversity. Racconteremo queste sfide attraverso le testimonianze delle aziende agricole e il contributo degli esperti. Tra gli esperti c’è anche Alfonso Iaccarino, che ci svelerà i segreti per tutelare la biodiversità, sia agricola che marina, e valorizzarla in cucina, con ricette semplici, ma di grande gusto. L’obiettivo è di alimentare, nel nostro piccolo, il dibattito italiano ed europeo, anche tenendo conto della necessità di salvaguardare un patrimonio così importante come la Dieta Mediterranea”.

“Sono molto lieto – continua Carlo Alberto Zaccagnini, Project Manager di AgriFoodToday.it – che in questo progetto si sia scardinato l’archetipo della ricetta come mezzo unico per la narrazione nel campo alimentare. Voglio dare rilevanza al fatto che siamo stati coraggiosi a parlare di cucina senza mostrare alcuna ricetta. La preparazione c’è, si vede, ma non è affatto centrale tant’è che non si spiega mai l’esecuzione né tantomeno si dichiarano le dosi e gli ingredienti”.

Nella prima puntata il programma affronterà il tema della sostenibilità negli allevamenti e di come anche il settore zootecnico può aiutare a promuovere un consumo alimentare sostenibile e agevolare il passaggio a regimi alimentare sani. Nella seconda puntata il focus sarà sui settori della trasformazione, nello specifico quello dell’olio, prodotto centrale della Dieta Mediterranea e del made in Italy.