Bellanova: “Crescita e sicurezza, lavoro e salute non vanno contrapposti”

18

ROMA – “Crescita e sicurezza, lavoro e salute non vanno contrapposti. E va accettata la sfida che proprio l’attuazione del Pnrr debba rappresentare un radicale cambio di passo anche su questo perché sicurezza del lavoro, qualità delle opere, rispetto dei tempi nell’attuazione, rispetto delle norme e trasparenza non solo possono ma devono andare di pari passo. Negli appalti il rispetto dei protocolli per la sicurezza non può essere un optional perché non si può massimizzare il profitto a scapito della vita. E nessuno venga a dire che velocizzare la realizzazione di una infrastruttura significa meno sicurezza perché non è assolutamente vero”.

Così Teresa Bellanova (Italia Viva), che parla di queste tematiche in un’intervista a “Il Mattino”: “Sui cantieri e dovunque si muore non perché le opere vanno consegnate nei tempi stabiliti ma perché manca la prevenzione, c’è poca formazione e non si rispettano le norme”, aggiunge. “L’innovazione che sta modificando radicalmente i luoghi di lavoro deve trovare personale adeguatamente formato e qualificato e questa formazione va inscritta nei bilanci come investimento e non come costo. È l’innovazione che deve aumentare la redditività, non l’elusione delle norme”.