Bioeconomia, in Italia vale 330 miliardi di euro

coltiviamo agricolturaROMA – “La bioeconomia in Italia nel 2017, secondo le nostre stime aggiornate, arriva a coprire circa 330 miliardi di euro di produzione. Piu’ o meno il 10% della produzione nazionale, per oltre due milioni di occupati. E’ un dato interessante. Un sistema di settori che ha assunto nel tempo un ruolo crescente nell’economia italiana: nel 2008 questo insieme di settori pesava 8,8%”. Cosi’, Stefania Trenti, della direzione Studi e ricerche intesa San Paolo descrive uno dei settori in crescita dell’economia italiana.

E lo fa da Bari in occasione della presentazione del quinto rapporto intitolato ‘La bioeconomia in Europa’ realizzato dalla direzione studi e ricerche di Intesa San Paolo. La bioeconomia e’ “l’insieme delle attivita’ umane che utilizzano materie prime naturali di origine biologica rinnovabile – spiega Trenti – partiamo dal mondo dell’agricoltura, della silvicultura, della pesca. E poi le risorse marine e a scendere la produzione del cibo, il mondo dell’alimentazione e tutta una serie di altri settori che utilizzano queste risorse”

Nella bioeconomia rientrano anche “il mondo del legno e della carta, a cui e’ dedicato il focus di – abbiamo tutta la filiera del tessile – prosegue Trenti – l’abbigliamento, la concia, le calzature, abbiamo poi il mondo molto innovativo e interessante della biochimica e della bio farmaceutica”. Dal report emerge che a livello europeo a farla da padrona e’ la bioeconomia della Germania, seguita da Francia e Italia.

“Una cosa originale della nostra definizione, ci discostiamo un po’ dalla definizione standard del livello europeo perche’ noi abbiamo incluso nella bioeconomia tutta la fase di raccolta e trattamento dei rifiuti a valle e il ciclo idrico perche’ siamo convinti che senza queste componenti, nel nostro Paese oggettivamente sarebbe difficile sviluppare tutto il potenziale perche’ stiamo parlando di sfruttare al meglio delle risorse di scarto e sovrapporre la produzione di bioplastiche, di bio componenti in biochimica a quella per l’alimentazione”, evidenzia Trenti convinta che il “futuro bisogna crearlo, soprattutto nella biochimica: il futuro la chimica e’ verde, ma bisogna creare le condizioni affinche’ si sviluppi pienamente”. “Uno dei settori che nell’ultimo decennio e’ cresciuto maggiormente e’ la fase di raccolta e trattamento dei rifiuti e anche li’, nonostante l’italia sia una eccellenza a livello europeo, un potenziale di miglioramento c’e'”, conclude Trenti.