Boom per la spesa mondiale in app, sale a 40 miliardi

ROMA – Nei primi sei mesi del 2019 la popolazione mondiale ha scaricato su smartphone e tablet oltre 56 miliardi di applicazioni, spendendo quasi 40 miliardi di dollari, con una crescita a cifra doppia rispetto al primo semestre del 2018. A stimare il giro d’affari sono gli analisti di Sensor Tower.

Stando ai dati, da gennaio a giugno su scala globale la spesa mobile in app ha raggiunto i 39,7 miliardi di dollari, con un incremento del 15,4% si base annua. A fare la parte del leone è l’App Store di Apple, con 25,5 miliardi di dollari, mentre sul Google Play, che è il negozio di applicazioni per dispositivi Android, vanno 14,2 miliardi.

La piattaforma di Apple si conferma quindi più ricca, nonostante in termini di volumi venga molto dopo Android. Dei 56,7 miliardi di app scaricate, infatti, solo 14,8 miliardi sono su iPhone e iPad, e 41,9 miliardi su smartphone e tablet del robottino verde. Tra le tipologie di app, la maggior parte della spesa – 29,6 miliardi, +11,3% – va ai videogiochi. Le app di gioco scaricate nel periodo in esame ammontano a 20,1 miliardi (+3,2%).

Il videogame più gettonato è “Color Bump 3D”, ma quello che registra gli incassi maggiori è “Honor of Kings” della cinese Tencent. Videogiochi a parte, la app che registra le entrate maggiori è Tinder. La piattaforma di incontri amorosi ha raccolto 497 milioni di dollari, con un aumento del 32% su base annua.