Cleanzy arriva anche a Bologna e cerca 50 addetti

BOLOGNA – Continua senza sosta l’espansione sul mercato italiano di Cleanzy, la nuova piattaforma nata per digitalizzare e semplificare il settore dell’home cleaning e dei servizi per la casa che da qualche giorno è disponibile anche a Bologna, con oltre 50 professionisti già attivi sulla piattaforma e, per le prossime settimane, è alla ricerca di almeno altri 50 esperti di pulizie da inserire nella sua community. L’azienda, dopo essere partita dalla Turchia, dove è leader di mercato, è disponibile anche in altri Paesi europei come Spagna e Regno Unito e, dopo aver lanciato i suoi servizi a Milano, Torino e Firenze, prosegue il suo percorso che nel giro di pochi mesi la porterà a coprire anche altre città italiane.

L’obiettivo di Cleanzy è quello di continuare a crescere in fretta, offrendo una piattaforma online che mette in contatto i clienti con centinaia di professionisti delle pulizie, 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. A Milano oggi operano più di 500 “cleaners” per migliaia di utenti iscritti, mentre sono più di 200 quelli che coprono la città di Torino, dove i clienti sono circa un migliaio. A Firenze, invece, ultima tra le città coperte, sono già 50 i membri della famiglia Cleanzy che servono diverse centinaia di utenti.

Il cliente “tipo” di Cleanzy è composto al 60% da donne e 40% uomini, in maggior parte di età compresa tra i 20 e 40 annigiovani professionisti (avvocati, dottori o imprenditori), studenti ma anche famiglie e expat internazionali che utilizzano i servizi sia per le pulizie quotidiane che settimanali. Non mancano inoltre gli utenti che utilizzano i servizi in maniera più sporadica, per una pulizia profonda dopo una festa o per pulire in maniera professionale un bed & breakfast o un appartamento in affitto una volta che gli ospiti sono andati via.

“Non ci limitiamo a mettere in contatto domanda e offerta: selezioniamo, formiamo e aggiorniamo continuamente i nostri professionisti e affianchiamo alla pulizia piccoli servizi ad alto valore aggiunto, come la stiratura, la fornitura di detersivi o il recupero delle chiavi, seguendo il cliente dall’inizio alla fine per garantire alti standard di qualità del servizio – commenta Filippo Brunelleschi, Country Manager dell’azienda – Abbiamo scelto di allargarci a Bologna perché è una città dinamica, ha un’economia solida ed è abitata da tanti lavoratori, studenti e turisti che, ogni giorno, cercano una persona affidabile per le pulizie di casa. Per questo, nelle prossime settimane, vogliamo arrivare rapidamente ad avere più di 100 cleaners e una base di almeno 500 clienti”.

Per entrare a fare parte della squadra di pulitori di Cleanzy bisogna aver maturato un’esperienza professionale, avere una fedina penale pulita ed essere in grado di pulire seguendo gli elevati standard richiesti. Ad ulteriore garanzia per i clienti, inoltre, ci sono la solidità assicurativa del gruppo AXA, che copre fino a 150.000 euro per incidenti o imprevisti, e un sistema di pagamenti online che offre la massima sicurezza.

Il mercato italiano dei servizi per la casa, d’altra parte, è ricco ma vecchio e poco digitalizzato: l’INPS parla di una spesa annua complessiva destinata ai collaboratori domestici – colf e badanti – superiore ai 7 miliardi, che corrisponderebbero a circa 510mila addetti alle pulizie regolarmente impiegati e, secondo le stime, altrettanti in nero. Il caso di un settore, quello delle pulizie, in cui la cosiddetta on-demand economy può aiutare a portare ordine e trasparenza.

“Bologna rappresenta un passo importante per il processo di espasione di Cleanzy in Italia – aggiunge poi Brunelleschi – Nei prossimi 6-9 mesi, infatti, puntiamo a lanciare i nostri servizi anche in altre citta italiane, in linea con gli obiettivi di espansione europea, dove Cleanzy è gia presente in Spagna, a Madrid e Barcellona e nel Regno Unito a Londra.