Commercio estero: Istat, ad agosto disavanzo sfiora 10 miliardi

14

Logo IstatROMA – Ad agosto “il deficit energetico si amplia ulteriormente, raggiungendo in valore assoluto quasi i 12 miliardi e, con una riduzione dell’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici, contribuisce a un disavanzo commerciale di quasi 10 miliardi”. Così l’Istat nel suo commento alle stime sul commercio estero di agosto. Nel dettaglio: il disavanzo commerciale è di -9.569 milioni, a fronte di un avanzo di 1.015 milioni dell’agosto 2021. Il deficit energetico raggiunge, in valore assoluto, 11.864 milioni (-3.487 milioni l’anno prima).

I prezzi all’importazione crescono del 3,0% su base mensile e del 23,7% su base annua +21,2% a luglio). Nelle stime di agosto, l’Istat vede una crescita congiunturale per le importazioni al +4,2% e una flessione per le esportazioni del 3,6%. Mentre su base annua l’export cresce del 24,8% in termini monetari e dell’1,3% in volume mentre l’import registra un incremento tendenziale del 59,1%, che risulta molto più intenso per l’area extra Ue (+84,0%) rispetto all’area Ue (+36,3%).