Coronavirus: in Italia il 22 marzo 651 decessi e dati in calo [VIDEO]

Coronavirus: il 22 marzo 658 decessi e dati in calo [VIDEO]

I dati sono stati ufficializzati dal Capo del Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli nella conferenza stampa del 22 marzo 2020

ROMA – Si è conclusa da poco la Conferenza stampa del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, che ogni giorno, da tre settimane, ci aggiorna su quelli che sono i dati giornalieri, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi, ricoverati, con particolare attenzione a quelli che sono in terapia intensiva o sub-intensiva) e morti con Coronavirus e sull’attività svolta per fronteggiare questa terribile epidemia. Nell’occasione é stato affiancato dal Professor Locatelli dell’Istituto Superiore di Sanità.

Oggi i guariti sono stati 952, 7.025 in totale. Ci sono stati 3.957 casi in più e il numero dei positivi é salito a 46.638 di cui: 23.783 sono in isolamento domiciliare (senza sintomi o con sintomi lievi), 3.000 (6% del totale) sono in terapia intensiva, gli altri ricoverati in ospedale. I decessi odierni sono 651; in totale 4.849.

“I numeri di oggi sono minori, ci auguriamo tutti che questi numeri possano essere confermati nei prossimi giorni. Ma non bisogna abbassare la guardia”, ha detto Borrelli.

Passando all’attività svolta nella giornata del 21 marzo, il Dottor Borrelli ha segnalato che sono più di 8.000 i volontari  (più di mille rispetto a ieri) e questo evidenzia lo sforzo che il Paese sta facendo nella lotta contro questa epidemia, a fianco al personale sanitario, della Polizia e delle Forze dellOrdine. Borrelli ha voluto ringraziare donne e uomini della Protezione Civile per senso di responsabilità e capacità dimostrati.

Sono state installate 2 tende pre-triage (totale 692 davanti ale strutture e 135 negli istituti Penitenziari).  Sono stati trasferito due paziente dalla Lombardia verso altra Regione (63 in totale).

Il Professor Locatelli si é soffermato sul contegio interfamiliare: é fondamentale implementare misure stringenti di soggetti che sono riultati positivi per Coronavirus. Un sacrificio importante per evitare che vengano annullate le misure adottate. Ha ricordato l’importanza degli anziani, sogetti fragili ma patrimonio storico del Paese.