Coronavirus in Italia, bollettino del giorno 6 novembre 2020: +37.809 nuovi casi

coronavirus venerdì

Il bollettino del 6 novembre 2020 parlava di 37.809 nuovi casi 24.005 ricoverati, 2.515 quelli in terapia intensiva; 446 decessi

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, venerdì 6 novembre andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile, che saranno preceduti a tutti gli aggiornamenti della giornata.

DATI COVID-19 IN ITALIA IL 5 NOVEMBRE

Il bollettino del 5 novembre 2020 parlava di 34.505 nuovi casi 23.118 ricoverati, 2.359 quelli in terapia intensiva; 445 decessi

I NUMERI REGIONE PER REGIONE

Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, le persone positive nelle Regioni erano: 112.524 in Lombardia, 58.048 in Campania, 44.290 nel Lazio, 41.577 in Piemonte, 40.719 in Veneto, 37.482 in Toscana, 31.976 in Emilia Romagna, 18.526 in Sicilia, 14.823 in Puglia, 11.223 in Liguria, 8.264 in Abruzzo, 8.389 nelle Marche, 8.389 in Umbria, 7.368 in Sardegna, 7.548 a Bolzano, 6.379 in Friuli Venezia Giulia, 4.244 in Calabria, 2.336 a Trento, 2.152 in Valle d’Aosta, 2.121 in Basilicata, 1.335 in Molise.

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanita’, Silvio Brusaferro, al punto stampa al ministero della Salute ha dichiarato che c’é  una prima fase in cui si é modellato la curva, una seconda in cui la curva è stata decrescente ed e’ rimasta tale per molto tempo, poi ci sono le fasi successive che ci aspettano nel futuro. Oggi siamo in una fase di transizione e modulazione, in cui ci sono delle ricrescite in cui bisogna per controllare la diffusione, riportandola a valori più controllabili o a velocita’ più controllata.

ORDINANZA CAMPANIA CONFERMA CHIUSURA SCUOLE

Una nuova ordinanza firmata del presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, che contiene ulteriori misure di prevenzione e contenimento dell’epidemia da Covid-19, ha confermato da oggi al 14 novembre della sospensione delle lezioni in presenza nelle scuole, da quella dell’Infanzia alle Superiori e conferma del blocco della mobilità interprovinciale. Consentita la pratica dello jogging dalle 6 alle 8.30.

IL GOVERNATORE DEL PIEMONTE CHIEDE MISURE UNIFORMI SU TUTTO IL TERRITORIO

Il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio ha chiesto che venga prevista uniformità di trattamento per tutta l’Italia, sottolineando di non sentirsi di chiedere ai piemontesi di chiudere le loro attività quando poi in tv si vede che in altre Regioni, con situazioni gravi e difficili, si riesce a condurre una vita normale.

SITUAZIONE NEL MONDO

Tutta l’Austria, dove nelle ultime ventiquattr’ore si sono registrati 7.400 i nuovi contagi, é stata dichiarata zona rossa, In Spagna i nuovi casi sono stati 21.908, i decessi 368. A Berlino il numero dei ricoverati per Covid negli ospedali e nelle terapie intensive é in crescita costante al punto che é stato disposto che a partire da sabato prossimo il 25% dei letti saranno disponibili per i malati Covid e saranno rimandate le operazioni pianificate. Nuovo reccord di nuovi contagi per la Francia: 58.046.

I DATI COVID DEL 6 NOVEMBRE

Alle 17 circa la Protezione Civile ci aggiornerà nuovamente su quelli che saranno stati i dati giornalieri in Italia, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi).

Il bollettino del 6 novembre 2020 parlava di 37.809 nuovi casi 24.005 ricoverati, 2.515 quelli in terapia intensiva; 446 decessi