Coronavirus oggi in Italia, bollettino del 18 marzo 2021

133

 

coronavirus covid-19 giovedì

EMA si é pronuncia sul vaccino AstraZeneca ritenendolo sicuro ed efficace: pertanto la somministrazione può riprendere

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, giovedì 18 marzo 2021 andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile.

I DATI DEL BOLLETTINO

Nelle ultime ventiquattro ore i Italia si sono registrati 24.935 nuovi casi (ieri 23.059) e 423 decessi che hanno portato il totale dei morti a  103.855. I tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 353.737; ieri  erano stati 369.084. Il tasso di positività è del 7%. I ricoverati con sintomi 26.098e le terapie intensive 3.256.

AGGIORNAMENTO NEWS

É la Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid, istituta proprio ieri dal Senato:  si celebrerà oggi per la prima volta e, in futuro, ogni 18 marzo. Nel 2020 in questo giorno gli autocarri militari uscivano da Bergamo carichi di bare.

Il comitato di esperti dell’Ema, l’Agenzia europea del Farmaco, ha raggiunto la conclusione che il vaccino AstraZeneca è sicuro ed efficace. Da lunedì quindi ripartirà la campagna di vaccinazione. Il Premier Mario Draghi aveva precisato che qualora si fosse optato per la ripresa delle somministrazioni il rallentamento sarebbe riassorbito nell’arco di un paio di settimana grazie anche all’incremento del vaccino Pfizer.

Il Presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen ha detto di fidarsi di AstraZeneca annunciando però, che nel secondo trimestre consegnerà all’Unione europea 70 milioni di dosi rispetto ai 180 milioni che aveva contrattualmente promesso di fornire, a differenza di Moderna e Pfizer che rispettano le scadenze.

Intanto, dal report del Commissario Straordinario per l’emergenza Figliuolo, emerge che sono 7.039.518 le dosi somministrate mentre il totale delle persone vaccinate, che hanno dunque ricevuto due dosi del siero, è di 2.145.434, circa il 3,5% della popolazione. La regione che ne ha somministrato di più é stata la Valle d’Aosta che ne ha somministrate il 91,7%, seguita dalla provincia di Bolzano (91,3%) e dalla Puglia (88,5%).

IPOTESI DIGITAL GREEN PASS

Al vaglio della Commissione europea c’é il “Digital Green Pass“, una sorta di passaporto pensato per facilitare la libera circolazione sicura all’interno della Ue durante la pandemia. In questo modo chi si è vaccinato, ha ricevuto un risultato negativo del test o si è ripreso da Covid-19, potrà muoversi tra i paesi dell’Unione Europa. .

SARDEGNA, STOP AI NON RESIDENTI

In Sardegna una ordinanza firmata dal Governatore Christian Solinas prevede che da oggi fino al prossimo 6 aprile i non residenti potranno raggiungere le seconde case da altre Regioni o dall’estero solo in caso di “comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e/o di indifferibilità documentata ovvero per motivi di salute”.  di negatività. L’ordinanza di questa sera dispone anche maggiori controlli per il tracciamento di chi si sottopone al tampone nei porti e negli aeroporti.

SITUAZIONE DEL MONDO

Nelle ultime ventiquattro ore in Francia si sono registrati 38.501 (il giorno prima non arrivavano a 30mila) e 357 persone affette dal Covid. Nel Regno Unito oltre  25 milioni di persone hanno ricevuto una dose di vaccino contro il Covid, un numero quasi della metà della popolazione adulta

IL BOLLETTINO DEL 17 MARZO

Nelle ultime ventiquattro ore sono state registrati 23.059  nuovi casi su 369.084 tamponi processati e 431 vittime. Il tasso di positività era del 6,2%. Ieri i nuovi positivi erano stati 20.396, con 502 morti Sono 3.311 le persone ricoverate in terapia intensiva (+61), 26.517 quelle ricoverate (+419).

Nel dettaglio, gli attualmente positivi sono: 98.647 in Campania, 95.765 in Lombardia, 69.615 in Emilia Romagna, 44.279 nel Lazio, 39.818 in Puglia, 36.442 in Veneto, 31.394 in Piemonte, 24.907 in Toscana, 15.002 in Friuli Venezia Giulia, 14.965 in Sicilia, 12.819 in Sardegna, 11.678 in Abruzzo, 10.117 nelle Marche.7.794 in Calabria, 6.167 in Liguria, 5.904 in Umbria, 4.185 in Basilicata, 3.971 a Trento, 3.714 a Bolzano, 1.456 in Molise, 369 in Valle d’Aosta