Coronavirus, zero contagi a Codogno: l’isolamento funziona!

Coronavirus, zero contagi a Codogno: l'isolamento funziona

Da più di due settimana Codogno é una città fantasma, ma il dato di oggi fa ben sperare che tutto presto possa trasformarsi in un ricordo

CODOGNO (MI) – In giorni complicati e di apprensione per tutti gli italiani, finalmente arriva anche una buona notizia! Anzi, ottima. Nella giornata di oggi, alla colonna “contagi” di Codogno, il centro divenuto famoso in tutto il mondo dopo aver fatto registrare il primo ricoverato da Coronavirus riconosciuto in Italia, c’è scritto “0”. Zero contagi; tradotto, qualcosa sta cambiando.

Come riporta in serata l’Ansa, appena appresa la notizia, Francesco Passerini, sindaco della città oltre che presidente della Provincia di Lodi, ha dichiarato “Siamo particolarmente felici di questo che ci sembra un grande risultato ma vogliamo dire che noi, che siamo stati zona rossa del lodigiano, la quarantena l’abbiamo fatta seriamente, e certamente è per questo che adesso assistiamo al calo che speravamo”.

“La battaglia non è finita – ha concluso il primo cittadino – ma se manterremo tutti quanti i comportamenti intelligenti dettati dal governo allora avremo solo qualche settimana di sacrificio e poi ne saremo fuori”.

Una notizia incoraggiante, che fa ben sperare. Da più di due settimane Codogno é una città fantasma, con strade deserte, negozi chiusi, ristoranti vuoti, abitanti in isolamento. Ma la diminuzione dei contagi, costante fino ad arrivare all’assenza, é di buon auspicio che le misure restrittive diposte con il Decreto 9 marzo 2020 ed estese a tutto il territorio nazionale, se osservate categoricamente, possano aiutare l’Italia e gli italiani ad uscire alla crisi profonda in cui sono sprofondati.

Una notizia positiva che si aggiunge a quella di ieri quando Mattia, il trentottenne primo italiano risultato positivo al test per il Covid-19, dopo tre settimane di terapia intensiva era stato dichiarato fuori pericolo.