Costa: “Chi specula sui disastri ambientali e sui morti per fini elettorali non avrà mai il mio rispetto”

16

ROMA – “Quando sono arrivato al ministero ho trovato moltissimi soldi stanziati ma senza la possibilità di spenderli. O comunque con un iter burocraticamente complesso, tanto che, prima di chiudere un progetto, passavano quasi due anni solo di rimpalli di carte tra gli uffici. Io, insieme al Governo Conte, ho lavorato ventre a terra e abbiamo tagliato di 9 mesi i passaggi burocratici, rimodulando il sistema in modo da far aprire più cantieri in meno tempo possibile. Chi specula sui disastri ambientali e sui morti per fini elettorali non avrà mai il mio rispetto”.

Lo afferma l’ex ministro dell’ambiente Sergio Costa. Oggi su “Il Fatto Quotidiano” è stato pubblicato un suo lungo commento dove spiega tecnicamente il lavoro del Movimento 5 Stelle: “C’è tantissimo da fare, e non si sta facendo”, conclude Costa.