Cottarelli su Mes, ricovery bond e provvedimenti del governo

carlo cottarelli tv2000

ROMA – “Io credo che servano sia il Mes, sempre che non ci siano sorprese, se questi sono i termini prendiamolo, che gli eurobond, perché lì l’emissione potrebbe essere molto più ampia, 500-1000 miliardi di euro per tutta l’area, ma mentre per il Mes arriverebbero 36-37 miliardi all’Italia, con una emissione di recovery bond i soldi potrebbero essere molto più ampi, anche 3 volte di più”. Lo ha detto l’economista ed ex commissario alla Spending review, Carlo Cottarelli, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000.

“I ricovery bond – ha spiegato Cottarelli – sono soldi che si prendono a prestito insieme e poi si decide insieme come spenderli, il Mes sono pure soldi che il Mes prende a prestito  dai mercati e poi dice ‘te li do ma devi usarli in un certo modo. Per fare fronte alla sanità o quanto meno alla crisi’. Sono soldi presi a prestito insieme e insieme si decide come utilizzarli. In una caso gli eurobond, proprio insieme, nell’altro in una discussione bilaterale che comunque è già chiaro come devono essere utilizzati per la sanità e per cose indirettamente legate alla sanità”.

“É chiaro – ha proseguito Cottarelli a Tv2000 – che deve essere fatto di più. Lo stesso governo ha detto che dovrebbe esserci adesso il decreto di aprile, per ora quello che il governo ha stanziato è poco più dell’1% del Pil circa 20-25 miliardi un po’ di più adesso con il decreto liquidità. Ricordiamoci che il decreto liquidità fornisce 400 miliardi alle imprese come prestiti, di cui lo Stato da soltanto la garanzia alle imprese su questi prestiti. Bisogna fare di più, poi ci sarà una fase nella quale il governo deve spendere credo con un programma di investimenti pubblici per rilanciare l’economia, per ora si sta soltanto attenuando l’impatto negativo dello shock subito per famiglie e imprese”.