Covid 19, suora a Madrid: “Situazione terribile ma c’è grande solidarietà”

suor luisa lopez leon santiago disabili

Suor Luis Lopez Leon intervistata da InBlu Radio: “I nostri governanti non credevano quanto fosse importante e le conseguenze di questo virus. Siamo arrivati tardi”

MADRID – “La situazione a Madrid è terribile. Noi credevamo che il nostro sistema sanitario fosse il migliore del mondo, adesso è invece al collasso totale. I nostri governanti non credevano quanto fosse importante e le conseguenze di questo virus. Siamo arrivati tardi”. Lo ha detto suor Luisa Lopez Leon Santiago della congregazione ‘Figlie di Santa Maria della Provvidenza’, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, commentando la situazione d’emergenza per il coronavirus che ha coinvolto anche la Spagna.

“Il popolo spagnolo – ha aggiunto la religiosa – è un popolo con tantissimi difetti e una grande virtù: la solidarietà. È impressionante. Dalle persone che creano qualcosa in casa propria alle persone che hanno più soldi, che danno i miliardi per aiutare il governo e gli ospedali. Anche alcuni alberghi hanno donato le loro stanze per i malati. Una cosa molto bella e per questo mi sento molto consolata”.

“Noi siamo in isolamento in Spagna – ha proseguito suor Luisa a inBlu Radio – siamo arrivati un po’ più in ritardo e la situazione adesso è molto molto grave. In casa nostra abbiamo un centro per disabili. Abbiamo 8 disabili che non hanno potuto andare a casa. Quelli che potevamo li abbiamo fatti tornare a casa e adesso siamo in un’isola di protezione. Tantissima gente però è a casa in condizioni molto preoccupanti, soprattutto quando la famiglia non vive nel benessere. Oggi le notizie riportano che sono calati i contagi. E questo ci fa respirare un po’. Siamo preoccupati per i nostri ragazzi. Non lasciamo entrare nessuno perché i disabili nella nostra casa hanno soprattutto difficoltà ai polmoni e sono a rischio e noi non possiamo permetterci di ammalarci perché non li possiamo curare”.

“Sono molto fiera – ha concluso suor Luisa a inBlu Radio – della Chiesa in Spagna. Per come ha reagito. La prima prevenzione è stata chiudere le chiese, senza messa e senza riunioni. Ma c’è una grandissima offerta di messa attraverso internet e YouTube. Io penso che la Chiesa in Spagna sta agendo in modo giusto, sostenendo molto la gente. Anche i sacerdoti mettono a rischio la propria vita e vanno ad aiutare negli ospedali”.