Treno deragliato, al vaglio il racconto degli operai: ‘Lo scambio era a posto’

MILANO – Sarà conferito oggi, 10 febbraio, l’incarico ai consulenti della Procura per verificare le cause del deragliamento del Frecciarossa che giovedì scorso ha causato nel Lodigiano due morti e 31 feriti. Dovranno vagliare anche le dichiarazioni rese da indagati dai cinque tecnici di Rfi indagati che erano intervenuti sul posto e avevano operato sullo scambio della tragedia.

In un interrogatorio fiume, durato fino a notte fonda, nella stazione della Polfer di Piacenza, i cinque, assistiti dagli avvocati Armando D’Apote e Fabio Cagnola, hanno sostanzialmente confermato la versione resa da testimoni nei giorni scorsi: lo scambio era in posizione corretta. Racconto che contrasta con gli elementi in mano alla Procura che li accusa di aver “svolto un’attività non adeguata”.

Secondo i pm, infatti, dopo la manutenzione lo scambio sarebbe rimasto deviato verso sinistra e, per questo, il convoglio, a quasi 200 chilometri orari, è finito con la motrice su un binario di servizio.

Si terranno invece martedì 11 e mercoledì 12 febbraio i funerali dei due macchinisti deceduti nel deragliamento del Frecciarossa 9595. Il funerale di Giuseppe Cicciù si svolgerà a Cologno Monzese, dove viveva con la famiglia, nella parrocchia di San Giuseppe alle 15,30 dell’11 febbraio. Quello di Mario Dicuonzo, morto a meno di tre mesi dalla pensione, dovrebbe essere a Pioltello il giorno seguente.