“Divinazioni”, dal 26 ottobre al cinema il nuovo film di Leandro Picarella

32

ROMA – Il 26 ottobre esce in sala Divinazioni, l’ultimo film di Leandro Picarella, prodotto da Qoomoon e Rai Cinema in co-produzione con Les Films d’Ici Méditerranée. Finalista ai Nastri d’Argento Doc 2021, dopo essere stato selezionato in prestigiosi festival nazionali e internazionali tra cui Festival dei Popoli 2020, IDFA Documentary Film Festival Amsterdam 2020 e Trieste Film Festival 2021 risultando vincitore del Premio Tënk Europe, il film arriva nelle sale italiane co-distribuito dalla casa di distribuzione indipendente Reading Bloom e dal PostModernissimo di Perugia.

Alla proiezione di martedì 26 ottobre alle ore 20,30 al cinema Rouge et Noir di Palermo, insieme all’autore e al protagonista Achille Sidoti, introdurrà il film il regista Jonas Carpignano reduce dal successo alla Quinzaine des Réalisateurs a Cannes con A Chiara. Le proiezioni in sala, accompagnate dal regista, proseguiranno a fine ottobre in Sicilia (28 ottobre, Multisala Badia Grande a Sciacca; 31 ottobre, Sala Iris a Messina) e dal 3 novembre nelle principali città d’Italia (Cinema Beltrade a Milano, Nuovo Eden a Brescia, La Compagnia a Firenze, Ariston a Trieste…).

Attraverso uno sguardo tra realtà e finzione, Divinazioni accompagna lo spettatore in una dimensione in cui si fondono fede, senso del sacro e superstizione. La narrazione segue la vita di Achille Sidoti, in arte «il mago Atanus», star indiscussa dei cartomanti televisivi dell’era del 144, pioniere di una schiera di replicanti dei teleconsulti che per oltre un ventennio hanno trasmesso dalle reti private italiane.

Il film è il ritratto inedito di un uomo con i segni e le cicatrici di un passato tra galera, truffe, televisione e cartomanzia, ma è anche un viaggio fisico e spirituale nel Sud del nostro tempo accompagnato dalle musiche di Ulisse Mazzagatti e dei Fratelli Mancuso, scandito dalle parole di Empedocle recitate da Mimmo Cuticchio sullo sfondo delle preziose immagini in Super8 dell’archivio della Cineteca Sarda.