Effetto Brexit, Ryanair valuta l’addio alla Borsa di Londra

14

MILANO – Il management di Ryanair sta valutando l’addio alla Borsa di Londra per effetto di una “consistente riduzione degli scambi” nel corso dell’anno ed in coerenza con una “tendenza generale delle contrattazioni sulle azioni di società dell’Ue dopo la Brexit”.

Lo si legge in una nota, in cui viene indicato che “la quotazione primaria nel mercato regolamentato di Euronext Dublino offre agli azionisti il grado di protezione più elevato, incluso il rispetto del codice di corporate governance del Regno Unito”.

Intanto Ryanair ha chiuso i primi 6 mesi dell’esercizio 2021-2022 con passeggeri più che raddoppiati (+128%) a quota 39,1 milioni di euro. In crescita dal 72 al 79% l’indice di riempimento dei voli, mentre i ricavi sono balzati dell’83% a 2,15 miliardi di euro. In crescita del 63% a 2,2 miliardi i costi operativi, in calo da 411 a 48 milioni la perdita netta.