Festival della Comunicazione a Camogli dal 6 al 9 settembre 2018

Festival della Comunicazione a Camogli dal 6 al 9 settembre 2018

Festival della Comunicazione: pensieri, analisi e punti di vista differenti su alcune delle tematiche più stringenti dell’attualità

L’appuntamento annuale tra i più attesi in Italia dedicato a comunicazione, futuro e innovazione torna a Camogli. Da giovedì 6 a domenica 9 settembre, con un tema di assoluta centralità: Visioni.

Il Festival della Comunicazione, è stato ideato con Umberto Eco, ed è diretto da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer. È organizzato da Frame, in collaborazione con il Comune di Camogli, e festeggia inoltre, quest’anno, la sua quinta edizione. Oltre 100 ospiti e un palinsesto variegato e vivace, aperto dalla lectio magistralis di Renzo Piano.

Contenuti di altissima qualità, affrontati dai principali protagonisti del mondo dell’economia, della cultura, dell’innovazione, dello spettacolo, delle imprese e del giornalismo. Il tema Visioni sarà esplorato in tutta la sua pluralità di sensi, e con una contaminazione di linguaggi e forme espressive unica.

30 appuntamenti nei laboratori per tutte le fasce d’età, 11 spettacoli, 2 mostre, 6 escursioni sul Monte di Portofino e nell’Area Marina Protetta. E oltre 60 incontri, con 3 sessioni speciali: le Colazioni con l’autore, la Rassegna stampa in diretta dal Festival. E l’aperitivo con musica sulle playlist di 139 “eccellenti” italiani.

“Il Festival della Comunicazionespiega Danco Singernon solo è ormai riconosciuto come un ambìto spazio di discussione e aggiornamento, ma è diventato una community di altissimo valore, formata dai maggiori attori dell’informazione, della cultura e del mondo economico e imprenditoriale. Tutti trovano quindi, nel Festival, occasione di incontro, confronto, incremento del proprio capitale relazionale”.

E Rosangela Bonsignorio aggiunge: “La capacità del Festival di coniugare, secondo lo stile di Umberto Eco, alto e basso, colto e pop, fa sì che i suoi contenuti arrivino a tutti. Sensibilizza sui problemi della contemporaneità, ed incoraggia soprattutto la cultura, la lettura e lo spirito critico”.