Fico: “La libertà di stampa passa dalla tutela della generazione 5 euro a pezzo”

Roberto Fico

ROMA – Qui di seguito la dichiarazione del Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa.

“Non possiamo dimenticare oggi gli ultimi tragici episodi che si sono consumati contro giornalisti come la reporter maltese Daphne Caruana Galizia e il giornalista slovacco Jan Kuciak e la sua fidanzata Martina Kusnirova, che, secondo le prime risultanza investigative, hanno pagato con la vita le loro coraggiose inchieste.

Per questo la nostra società ogni giorno deve porsi il problema della tutela della libertà di stampa, che passa soprattutto dalle garanzie ai cronisti più indifesi, i freelance e la ‘generazione dei cinque euro a pezzo’. Tutelando i più deboli si tutela un’intera società, questo vale per la stampa così come per tanti altri settori importanti del nostro Paese.

Occorre che tutte le Istituzioni, secondo le rispettive competenze, sostengano un’informazione responsabile, un’informazione che non si faccia mai intimidire nella ricerca della verità ma si traduca in una sorta di missione civile, come la intendeva Giancarlo Siani, in difesa dei valori di giustizia e democrazia. Un’informazione di qualità, intesa come impegno al servizio della conoscenza e della crescita della nostra comunità di cittadini. Tutto questo è la base per la formazione di una coscienza civica matura, consapevole e, dunque, veramente libera.

La giornata di oggi dedicata in tutto il mondo alla libertà di stampa è un’occasione importante per riflettere sul ruolo essenziale dell’informazione per il buon funzionamento della democrazia e sulle diverse condizioni di tutela e di libertà che accompagnano, a livello globale, la difficile professione del giornalista”.